Orari segreteria: LUN e VEN 8,30-10,30 | MER 14,30-16,30
A- A A+

  Sommario

 

1.       PRESENTAZIONE DELL’ISTITUTO..
4 08D0C9EA79F9BACE118C8200AA004BA90B02000000080000000E0000005F0054006F0063003400300034003500340036003500320038000000

2.       IL PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA..  5 08D0C9EA79F9BACE118C8200AA004BA90B02000000080000000E0000005F0054006F0063003400300034003500340036003500320039000000

1.1      LE SCELTE EDUCATIVE..  5 08D0C9EA79F9BACE118C8200AA004BA90B02000000080000000E0000005F0054006F0063003400300034003500340036003500330030000000

1.2      LE ATTIVITÁ..  5 08D0C9EA79F9BACE118C8200AA004BA90B02000000080000000E0000005F0054006F0063003400300034003500340036003500330031000000

1.3      L’ORGANIZZAZIONE..  5 08D0C9EA79F9BACE118C8200AA004BA90B02000000080000000E0000005F0054006F0063003400300034003500340036003500330032000000

3.       LE SCELTE EDUCATIVE..
6 08D0C9EA79F9BACE118C8200AA004BA90B02000000080000000E0000005F0054006F0063003400300034003500340036003500330033000000

3.1.     IL CURRICULUM...  6 08D0C9EA79F9BACE118C8200AA004BA90B02000000080000000E0000005F0054006F0063003400300034003500340036003500330037000000

3.2.     ARTICOLAZIONE DEL CURRICULUM...  9 08D0C9EA79F9BACE118C8200AA004BA90B02000000080000000E0000005F0054006F0063003400300034003500340036003500330038000000

- LA CLASSE 2.0. 9 08D0C9EA79F9BACE118C8200AA004BA90B02000000080000000E0000005F0054006F0063003400300034003500340036003500330039000000

- LICEO SCIENTIFICO NUOVO ORDINAMENTO OPZIONE CIE (CAMBRIDGE INTERNATIONAL EXAMINATIONS)non è definito.

Errore. Il segnalibro non è definito.

3.3.     MATERIA ALTERNATIVA ALL’INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA    12 08D0C9EA79F9BACE118C8200AA004BA90B02000000080000000E0000005F0054006F0063003400300034003500340036003500340032000000

3.4.     BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI    (BES - DSA) 12 08D0C9EA79F9BACE118C8200AA004BA90B02000000080000000E0000005F0054006F0063003400300034003500340036003500340033000000

4.       AMPLIAMENTO DELL'OFFERTA FORMATIVA 13 08D0C9EA79F9BACE118C8200AA004BA90B02000000080000000E0000005F0054006F0063003400300034003500340036003500340034000000

4.1      PROGETTI.  14 08D0C9EA79F9BACE118C8200AA004BA90B02000000080000000E0000005F0054006F0063003400300034003500340036003500340038000000

4.2      ATTIVITÁ CURRICULARI A CURA DEI CONSIGLI DI CLASSE..  15 08D0C9EA79F9BACE118C8200AA004BA90B02000000080000000E0000005F0054006F0063003400300034003500340036003500340039000000

4.3      ATTIVITA’ CURRICULARI ed EXTRACURRICULARI FACOLTATIVE..  16 08D0C9EA79F9BACE118C8200AA004BA90B02000000080000000E0000005F0054006F0063003400300034003500340036003500350030000000

4.4      ATTIVITÁ EXTRACURRICULARI AUTOFINANZIATE..  17 08D0C9EA79F9BACE118C8200AA004BA90B02000000080000000E0000005F0054006F0063003400300034003500340036003500350031000000

4.5      ATTIVITÁ EXTRACURRICULARI FINANZIATE DA ENTI ESTERNI.  18 08D0C9EA79F9BACE118C8200AA004BA90B02000000080000000E0000005F0054006F0063003400300034003500340036003500350032000000

4.6      ATTIVITÁ COMPLEMENTARI.  19 08D0C9EA79F9BACE118C8200AA004BA90B02000000080000000E0000005F0054006F0063003400300034003500340036003500350033000000

4.7      PROMOZIONE DELLE ECCELLENZE..  19 08D0C9EA79F9BACE118C8200AA004BA90B02000000080000000E0000005F0054006F0063003400300034003500340036003500350034000000

4.8      VIAGGI DI ISTRUZIONE..  21 08D0C9EA79F9BACE118C8200AA004BA90B02000000080000000E0000005F0054006F0063003400300034003500340036003500350035000000

4.9      CITTADINANZA ATTIVA..  22 08D0C9EA79F9BACE118C8200AA004BA90B02000000080000000E0000005F0054006F0063003400300034003500340036003500350036000000

5.       LE ATTIVITÁ..  23 08D0C9EA79F9BACE118C8200AA004BA90B02000000080000000E0000005F0054006F0063003400300034003500340036003500350037000000

5.1.     L’ACCOGLIENZA.. 23 08D0C9EA79F9BACE118C8200AA004BA90B02000000080000000E0000005F0054006F0063003400300034003500340036003500360030000000

5.2.     L’OBBLIGO FORMATIVO..  23 08D0C9EA79F9BACE118C8200AA004BA90B02000000080000000E0000005F0054006F0063003400300034003500340036003500360031000000

5.3.     L’ORIENTAMENTO..  24 08D0C9EA79F9BACE118C8200AA004BA90B02000000080000000E0000005F0054006F0063003400300034003500340036003500360032000000

5.4.     LE ATTIVITÁ DI COMPENSAZIONE..  25 08D0C9EA79F9BACE118C8200AA004BA90B02000000080000000E0000005F0054006F0063003400300034003500340036003500360033000000

          (Recupero, Tutoraggio, Potenziamento) 25 08D0C9EA79F9BACE118C8200AA004BA90B02000000080000000E0000005F0054006F0063003400300034003500340036003500360034000000

5.5.     MOBILITÁ DEGLI STUDENTI.  27 08D0C9EA79F9BACE118C8200AA004BA90B02000000080000000E0000005F0054006F0063003400300034003500340036003500360035000000

5.6.     PRINCIPI DELLA VALUTAZIONE..  27 08D0C9EA79F9BACE118C8200AA004BA90B02000000080000000E0000005F0054006F0063003400300034003500340036003500360036000000

5.7.     I PROCESSI DELLA VALUTAZIONE..  30 08D0C9EA79F9BACE118C8200AA004BA90B02000000080000000E0000005F0054006F0063003400300034003500340036003500360037000000

5.8.     AZIONI PROMOSSE DALLA SCUOLA..  33 08D0C9EA79F9BACE118C8200AA004BA90B02000000080000000E0000005F0054006F0063003400300034003500340036003500360038000000

5.9.     LA FORMAZIONE.. 33 08D0C9EA79F9BACE118C8200AA004BA90B02000000080000000E0000005F0054006F0063003400300034003500340036003500360039000000

6.       L’ORGANIZZAZIONE..  34 08D0C9EA79F9BACE118C8200AA004BA90B02000000080000000E0000005F0054006F0063003400300034003500340036003500370030000000

6.1.     ORGANIGRAMMA..  34 08D0C9EA79F9BACE118C8200AA004BA90B02000000080000000E0000005F0054006F0063003400300034003500340036003500370032000000

6.2.     COORDINATORI  DI CLASSE E SEGRETARI.
35 08D0C9EA79F9BACE118C8200AA004BA90B02000000080000000E0000005F0054006F0063003400300034003500340036003500370033000000

6.3.     COMMISSIONI E  GRUPPI DI LAVORO..  36 08D0C9EA79F9BACE118C8200AA004BA90B02000000080000000E0000005F0054006F0063003400300034003500340036003500370034000000

6.4.     ALTRE COMMISSIONI E/O GRUPPI DI LAVORO..  37 08D0C9EA79F9BACE118C8200AA004BA90B02000000080000000E0000005F0054006F0063003400300034003500340036003500370035000000

6.5.     CERTIFICAZIONE UNI EN ISO 9001.  38 08D0C9EA79F9BACE118C8200AA004BA90B02000000080000000E0000005F0054006F0063003400300034003500340036003500370036000000

6.6.     ORGANIZAZIONE SCOLASTICA..  39 08D0C9EA79F9BACE118C8200AA004BA90B02000000080000000E0000005F0054006F0063003400300034003500340036003500370037000000

6.7.     CRITERI ORGANIZZATIVI DELL’ATTIVITÀ DIDATTICA.. PAGEREF _Toc404546578 \h 39 08D0C9EA79F9BACE118C8200AA004BA90B02000000080000000E0000005F0054006F0063003400300034003500340036003500370038000000

6.8.     ORGANIZZAZIONE DELL’ISTITUTO..  40 08D0C9EA79F9BACE118C8200AA004BA90B02000000080000000E0000005F0054006F0063003400300034003500340036003500370039000000

6.9.     LA SICUREZZA NELLA SCUOLA..  42 08D0C9EA79F9BACE118C8200AA004BA90B02000000080000000E0000005F0054006F0063003400300034003500340036003500380030000000

6.10.  TFA (TIROCINI FORMATIVI ATTIVI) 42 08D0C9EA79F9BACE118C8200AA004BA90B02000000080000000E0000005F0054006F0063003400300034003500340036003500380031000000

6.11.  MODALITÀ DI ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.  42 08D0C9EA79F9BACE118C8200AA004BA90B02000000080000000E0000005F0054006F0063003400300034003500340036003500380032000000

6.12.  RISORSE E SERVIZI.  43 08D0C9EA79F9BACE118C8200AA004BA90B02000000080000000E0000005F0054006F0063003400300034003500340036003500380033000000

7.       ALLEGATI.  43 08D0C9EA79F9BACE118C8200AA004BA90B02000000080000000E0000005F0054006F0063003400300034003500340036003500380034000000

 

1.    Politica ed Obiettivi della Qualità (2014/2015)

2.     Piano annuale delle attività del Collegio dei docenti e dei Consigli di classe

3.      Quadro delle attività delle Funzioni Strumentali

4.      Piano Annuale di Inclusione (PAI)

5.     Sinossi dei progetti ed attività afferenti all’ampliamento dell’Offerta Formativa

6.      Programmazioni dipartimentali e relative griglie di valutazione

7.     Tabelle di valutazione per le simulazioni di prima, seconda e terza prova scritta degli Esami di Stato

8.      Criteri di attribuzione del  voto di condotta

9.      Criteri di validità dell’ anno scolastico

10.  Criteri di valutazione intermedia

11.  Criteri di valutazione finale

12.  Criteri di valutazione per gli alunni con sospensione del giudizio

13.  Criteri di attribuzione del credito scolastico

14.  Criteri di validazione del credito formativo

15.  Criteri di accettazione delle domande d’iscrizione

16.  Criteri di formazione delle classi prime

17.  Criteri di formazione della classi 2.0

18.  Criteri di formazione dlle classi CIE

19.  D.P.R. 249 24/06/1998 Statuto delle studentesse e degli studenti della scuola secondaria

20.  Regolamento di Istituto (bozza da aggiornare ed approvare)

21.  Patto di corresponsabilità

22.  Contratto mobilità studentesca

23.  Regolamenti dei laboratori

24.  Carta dei Servizi

25.  Regolamento di accesso agli atti

26.  Addetti alle emergenze

27.  Piano di formazione del personale


  1.PRESENTAZIONE DELL’ISTITUTO  

Il Liceo Scientifico Statale “S. Cannizzaro”, appartenente al XX Distretto- IX Municipio-, è una realtà scolastica operante sul territorio dal 1966. 

Gli studenti frequentanti  il Liceo sono in media  ripartiti  in undici corsi di cui  A B C D L M N, J, K  (per un totale 29 classi ) nella sede Amministrativa ed E F G H (totale 20 classi) nella sede Centrale. 

Dalla sua utenza è considerato un solido punto di riferimento per l’affidabilità e la coerenza degli intenti formativi e per la qualità dell’ insegnamento.

Gli aspetti significativi della nostra attività sono la valorizzazione dell’eccellenze, il potenziamento delle competenze, l’attenzione al recupero e al sostegno, l’educazione al confronto.

La nostra didattica è arricchita da attività svolte nei laboratori, dall’utilizzo di  strumenti multimediali e da approfondimenti tematici ed esperienze formative  realizzati attraverso percorsi progettuali.

 Lo scopo del nostro agire consiste nel:

-          promuovere la formazione umana, morale e civile dello studente

-          rimuovere al suo interno qualsiasi forma di discriminazione

-          tutelare la diversità come forma di arricchimento culturale

-          assicurare la libertà di insegnamento nel rispetto della personalità dell’alunno e con attenzione al suo successo formativo

-          impegnare  le risorse disponibili al fine di prevenire la dispersione scolastica

 

Il Liceo aderisce al "Progetto Qualità" della Rete Scuoleinsieme del IX Municipio ed ha conseguito la certificazione UNI EN ISO 9001:2008 nell'A.S. 2011-12.

 

2.    IL PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

Il Piano dell’Offerta Formativa, ovvero il POF, è ciò che ci contraddistingue in termini di idee, di proposte, di scelte e di modalità organizzative, tutte finalizzate a garantire un’azione didattico- formativa in sintonia con le esigenze del contesto e più in generale con i bisogni educativi  delle nuove generazioni.

Esso rappresenta una sorta di “piano regolatore” cui fanno riferimento tutte le  iniziative volte al miglioramento del processo di apprendimento di ogni singolo studente.

La sua esplicitazione garantisce a tutte le componenti, interne ed esterne alla scuola, partecipazione, trasparenza, possibilità di controllo degli impegni sottoscritti.

Quali sono i contenuti del POF del Liceo Scientifico “Stanislao Cannizzaro”?

Per rendere più agevole e più fruibile la risposta abbiamo diviso la presentazione del nostro progetto educativo in tre aree.

 

1.1         LE SCELTE EDUCATIVE

-          Il curriculum

-          Articolazione del curriculum

-          Classe 2.0

-          Cambridge International Examinations

-          Materia alternativa all’Insegnamento della Religione Cattolica

-          I bisogni educativi speciali

-          L’ampliamento dell’offerta formativa:

·         I progetti

·         Le attività curriculari

·         Le attività curriculari ed extracurriculari facoltative

·         Le attività extracurriculari autofinanziate

·         Le attività extracurriculari finanziate da enti esterni

·         Le  attività complementari

·         Valorizzazione delle eccellenze

·         Viaggi d’istruzione e campi scuola

·         Cittadinanza attiva

1.2         LE ATTIVITÁ

-          L’Accoglienza

-          L’Obbligo formativo

-          L’Orientamento

-          Le attività di compensazione (Recupero – Tutoraggio)

-          La mobilità studentesca

-          I principi della valutazione

-          I processi della valutazione

-          La Formazione

 

1.3         L’ORGANIZZAZIONE

-          Organigramma

-          Certificazione UNI EN ISO 9001

-          Organizzazione scolastica (orari)

-          Criteri organizzativi dell’attività didattica

-          Organizzazione dell’Istituto

-          La Sicurezza nella scuola

-          TFA (Tirocini formativi attivi)

-          Modalità di accesso agli atti amministrativi

-          Risorse, servizi ed approvvigionamenti


 

3.    LE SCELTE EDUCATIVE



3.1.      IL CURRICULUM

Il nostro ordinamento

Dall’anno in corso è in vigore il nuovo ordinamento, così come è stato disciplinato dal D.P.R. 15 marzo 2010, n. 89.

NUOVO ORDINAMENTO

Struttura

Primo biennio

Secondo biennio

Classe quinta

Discipline e monte orario

 

 

Primo biennio

Secondo biennio

Classe

quinta

Materie / Classi

I

II

III

IV

V

Religione / Attività alternativa

1

1

1

1

1

Lingua e letteratura italiana

4

4

4

4

4

Lingua e letteratura latine

3

3

3

3

3

Storia e geografia

3

3

-

-

-

Lingua e letteratura straniera (Inglese)

3

3

3

3

3

Storia

 

 

2

2

2

Filosofia

 

 

3

3

3

Matematica

5

5

4

4

4

Fisica

2

2

3

3

3

Scienze naturali chimica e geografia

2

2

3

3

3

Disegno e storia dell’arte

2

2

2

2

2

Educazione Fisica

2

2

2

2

2

Totale quadro orario

27

27

30

30

30

  

La finalità  dell’azione educativa del nostro liceo è la formazione dell’individuo nella sua dimensione esistenziale, personale, affettiva e  socio-culturale.

In questa prospettiva il nostro intento consiste nel fornire agli studenti gli strumenti culturali e metodologici necessari alla comprensione consapevole e critica della realtà, affinché essi possano interagire in modo razionale, flessibile e creativo di fronte alla complessità  dei fenomeni, dei problemi e delle situazioni. 

Tali finalità richiamano il conseguimento di obiettivi comportamentali e di obiettivi formativi.

 

Obiettivi comportamentali 

 

·      Fondare il rapporto con gli insegnanti e con i compagni sul rispetto reciproco, la solidarietà e la tolleranza

·   Collaborare, cooperare con gli altri e contribuire al buon andamento della vita scolastica

·         Svolgere un ruolo attivo e propositivo in ogni fase dell'attività didattica

·        Sapersi orientare in modo attivo e consapevole nelle vita sociale riconoscendo diritti e doveri propri e altrui

·         Porsi in modo attivo e consapevole di fronte alla crescente quantità di informazioni e di sollecitazioni esterne
  

Obiettivi formativi 

 

CONOSCENZE, ABILITÁ, COMPETENZE DEL PRIMO BIENNIO

Conoscenze

·         Conoscere la sintassi e il lessico dei vari saperi suddivisi per assi: del linguaggio, matematico, scientifico-tecnologico e storico-sociale

 Abilità

  • Individuare e utilizzare il codice, la sintassi dei  vari linguaggi
  • Cogliere ed utilizzare i nuclei tematici di un testo
  • Riconoscere l’interdipendenza tra i fattori di un fenomeno e di un sistema
  • Esprimersi e relazionare su quanto esperito e analizzato
  • Utilizzare strumenti di consultazione e strumenti digitali per ricavare documentazioni ed elaborare testi

Competenze

  • Utilizzare la propria mappa cognitiva e le varie fonti di informazione e formazione (formale, non formale e informale) per conseguire obiettivi significativi e realistici
  • Risolvere problemi e verificarne l’attendibilità dei risultati
  • Produrre testi di differenti dimensioni e complessità adatti alle varie situazioni comunicative
  • Utilizzare consapevolmente le competenze chiave di cittadinanza: imparare ad imparare, progettare, comunicare, collaborare e partecipare, agire in modo autonomo e responsabile 

 

CONOSCENZE, ABILITÁ, COMPETENZE DEL SECONDO BIENNIO

Conoscenze 

·         Conoscere la sintassi e il lessico dei vari linguaggi
·         Conoscere i fattori e le variabili dei fenomeni e delle realtà complesse


 Abilità

  • Utilizzare e analizzare il codice, la sintassi, la semantica dei  vari linguaggi
  • Cogliere ed utilizzare i nuclei tematici e i paradigmi delle singole discipline
  • Riconoscere l’interdipendenza tra fattori e variabili di più fenomeni e più sistemi
  • Operare confronti sia tra realtà semplici sia tra realtà complesse
  • Esprimersi ed argomentare su quanto esperito e analizzato
  • Utilizzare, in maniera autonoma, strumenti di consultazione e strumenti digitali  per ricavare documentazioni ed elaborare testi

 

Competenze 

  • Utilizzare la propria mappa cognitiva e le varie fonti di informazione e formazione (formale, non formale e informale) per conseguire obiettivi significativi e realistici
  • Leggere razionalmente fenomeni, problemi, realtà semplici e complesse
  • Ragionare sul perché e sullo scopo di problemi pratici e astratti
  • Formulare ipotesi, risolvere problemi e verificarne l’attendibilità dei risultati
  • Produrre testi di differenti dimensioni e complessità adatti alle varie situazioni comunicative
  • Essere consapevoli delle proprie competenze

 

CONOSCENZE, ABILITÁ, COMPETENZE DELLA CLASSE QUINTA

 

Conoscenze 

·         Conoscere la sintassi e il lessico dei vari linguaggi

·         Conoscere i fattori e le variabili dei fenomeni e delle realtà complesse

  • Conoscere i fattori di interdipendenza tra sistemi affini e/o differenti
  • Conoscere le strutture portanti dei procedimenti argomentativi e dimostrativi

 

Abilità

  • Analizzare,  utilizzare il codice, la sintassi, la semantica dei  vari linguaggi
  • Cogliere ed utilizzare i nuclei tematici e i paradigmi delle singole discipline
  • Riconoscere l’interdipendenza tra fattori e variabili di più fenomeni e più sistemi
  • Operare confronti sia tra realtà semplici sia tra realtà complesse
  • Individuare le interazioni tra le diverse forme del sapere
  • Esprimersi ed argomentare su quanto esperito, indagato e  analizzato
  • Strutturare una dimostrazione
  • Utilizzare, in maniera autonoma e creativa, strumenti di consultazione e strumenti digitali  per ricavare documentazioni ed elaborare testi

 

Competenze

 

  • Utilizzare la propria mappa cognitiva e le varie fonti di informazione e formazione (formale, non formale e informale) per conseguire obiettivi significativi e realistici
  • Leggere razionalmente e criticamente fenomeni, problemi, realtà semplici e complesse
  • Ragionare sul perché e sullo scopo di problemi pratici e astratti
  • Formulare ipotesi, risolvere problemi e verificarne l’attendibilità dei risultati, modellizzare attraverso la padronanza del linguaggio logico-formale
  • Produrre testi di differenti dimensioni e complessità adatti alle varie situazioni comunicative
  • Essere consapevoli delle proprie competenze, anche ai fini dell’orientamento agli studi successivi o all’inserimento nel mondo del lavoro

 

3.2.      ARTICOLAZIONE DEL CURRICULUM

 

LA CLASSE 2.0

A partire dall’anno scolastico 2014/2015, nella nostra scuola,  è stata attivata  una classe@2.0 presso la Sede Centrale che, per l’anno scolastico 2015/2016, sarà affiancata da un’altra classe @2.0 presso la sede Amministrativa

Nella Classe@2.0 si può organizzare la didattica in modo flessibile e si possono personalizzare i percorsi formativi di ciascuno studente.

Nello spazio Web, che sarà uno dei servizi principali offerti dalla nostra Classe@2.0, ogni studente troverà materiali, risorse, collegamenti utili per colmare ogni sua lacuna, approfondire un argomento, verificare le proprie conoscenze e competenze. Potrà condividere materiali e strumenti con il docente e gli altri studenti, scambiare informazioni, opinioni e riflessioni con studenti di altre classi o di altre scuole di tutto il mondo.

Le finalità di tale scelta didattica sono da individuare nella esigenza di costruire  un ambiente di apprendimento adeguato alla nuova società dell’informazione e della conoscenza, di potenziare  una didattica centrata sullo studente e sui suoi bisogni e di rappresentare le discipline attraverso la multimedialità.

 La didattica della classe@2.0 verte sulle seguenti azioni:

Ø      Progettare ed attuare percorsi formativi personalizzati

Ø      Costruire e condividere strategie di autovalutazione

Ø      Condividere conoscenze,  progetti e prodotti con altri soggetti della scuola e di altre realtà extrascolastiche

Ø      Utilizzare risorse e piattaforme web

Ø      Ideare, sviluppare e realizzare progetti

Ø      Produrre materiali digitali

 

 privilegia le seguenti metodologie:

Ø      Didattica progettuale

Ø      Problem solving

Ø      Cooperative learning

Ø      Decision making

Ø      Apprendimento per prove ed errori

Ø      Dinamicità dei ruoli (leadership condivisa, assetto variabile)

 

 utilizza i seguenti strumenti interattivi

Ø      LIM (lavagna interattiva multimediale)

Ø      P.C.

Ø      Netbook

Ø      Tablet

Ø      Smartphone

 

 

LICEO SCIENTIFICO NUOVO ORDINAMENTO OPZIONE CIE 

(CAMBRIDGE INTERNATIONAL EXAMINATIONS)                   

 

Dall’attuale anno scolastico il Liceo “S. Cannizzaro” ha attivato due prime classi di 30 studenti che acquisiranno sia il diploma Italiano di Maturità Scientifica che le certificazioni internazionali Cambridge: il Piano di Studi Internazionale  Cambridge  prevede la coesistenza dei due corsi di studio Italiano ed Inglese al fine di conseguire, oltre al Diploma di Maturità Scientifica al 5° anno, anche le certificazioni IGCSE (International General Certificate of Secondary Education) delle materie scelte (vedi sotto). In Gran Bretagna il corso di studi della scuola superiore dura 4 anni, quindi entro il quarto anno lo studente potrà svolgere tutti gli esami delle materie sotto indicate o solo alcuni. Proseguirà poi il quinto anno per il diploma scientifico italiano.

 

Il Liceo Cannizzaro è CAMBRIDGE SCHOOL è sede ufficiale di esami IGCSE e A Levels, quindi gli esami per il conseguimento delle certificazioni si svolgeranno presso la nostra sede.

 

Per l’anno scolastico 2015/2016 sono riconfermate le due classi prime CIE, una presso la Sede Centrale ed una presso la Sede Amministrativa, con la possibilità di aprirne una terza presso la Sede Amministrativa, qualora le richieste la rendano necessaria.

 

Il piano di studi delle attuali sezioni è il seguente: 

 

Tabella  SEQ Tabella \* ARABIC 1 - Attività e insegnamenti obbligatori per gli studenti - Orario Annuale

 

1° Anno

2° Anno

3° Anno

4° Anno

5° Anno

Lingua e letteratura italiana

4

4

4

4

4

Lingua e letteratura latina

3

3

3

3

3

Lingua e letteratura inglese

5

5

4

4

4

Storia e Geografia

3

3

 

 

 

Geography[1]

1

1

 

 

 

Storia

 

 

2

2

2

Filosofia

 

 

3

3

3

Matematica

5

5

4

4

4

Fisica

2

2

3

3

3

Scienze Naturali

2

2

3

3

3

Disegno e Storia dell’Arte

2

2

2

2

2

Scienze motorie e sportive

2

2

2

2

2

Religione cattolica o attività alternative

1

1

1

1

1

Totale ore

30

30

31

31

31

 

Le Discipline con programmazione bilingue ( il programma italiano verrà integrato da quello internazionale) sono 6:

 

INGLESE

(ENGLISH as Second Language)

(subject code 510)

GEOGRAFIA

(GEOGRAPHY)

(subject code 460)

MATEMATICA

(MATHS)

(subject code 580)

FISICA

(PHYSICS)

(subject code 625)

SCIENZE

(BIOLOGY)

(subject code 610)

IRC

(RELIGIOUS STUDIES)

(subject code 490)

 

L’orario annuale prevede un potenziamento della Lingua Inglese: 5 ore settimanali nel biennio e 4 ore nel triennio e 1 ora aggiuntiva di Geography nel biennio.

 

Lo studio delle materie indicate prevede la compresenza dei Docenti Italiani e dei Docenti esperti madrelingua nelle seguenti proporzioni:

  • 2 ore su 5 per Inglese e Matematica,
  • 1 ora su 2 per Scienze e Fisica.
  • 1 ora per Geography
  • 1 ora per Religious Studies

 

Il biennio è propedeutico sia dal punto di vista linguistico che contenutistico, infatti gli studenti sosterranno gli  esami  a partire dalla fine della seconda classe fino alla quarta.

 

Il primo esame IGCSE da sostenere sarà GEOGRAPHY alla fine del secondo anno. Tutti gli altri negli anni successivi in due sessioni: Novembre e Maggio.

Gli studenti sosterranno anche gli esami delle certificazioni Linguistiche Cambridge: PET in prima, FCE in seconda e CAE in terza, per concludere con IGCSE English as second language.

La certificazione IGCSE English as a Second language conseguita con valutazione Grade C o superiore è riconosciuta da quasi tutte le università nel Regno Unito e da molte università negli USA, in Canada e Australia come attestazione della conoscenza della lingua inglese paragonabile al livello C1 (ADVANCED) del Quadro Comune Europeo di Riferimento.

Nel corso degli studi è possibile affiancare allo studio curricolare due stage (corso di studio intensivo di durata settimanale) propedeutici al superamento degli esami:

  • Il secondo anno lo stage di Geography
  • Il terzo anno quello di Maths, Physics and Biology.

 

Gli stage si svolgono in Inghilterra presso una delle sedi Bell Schools specializzate nella preparazione agli esami IGCSE. La realizzazione di tali stage è subordinata all’adesione, non obbligatoria, degli studenti nei termini previsti per la organizzazione dei viaggi di istruzione.

 

Il Piano degli studi per le classi di nuova formazione sarà flessibile, ovvero sarà costituito da 3 discipline strutturali (English, Maths, Physics) ed altre 3 (Biology, Geography, Religious studies) che potranno essere attivate sulla base della disponibilità delle risorse umane.

 

 

3.3.      MATERIA ALTERNATIVA ALL’INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA

·         DIRITTO ED ECONOMIA

 

 

3.4.      BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI    (BES - DSA)

La nostra tradizione educativa, da sempre attenta al  miglioramento delle relazioni e dell’apprendimento,  ha pienamente accolto ed attuato le indicazioni legislative in materia di bisogni educativi speciali. In linea con la Legge 170/2010, con la Direttiva Ministeriale 27 dicembre 2012 e con la Circolare ministeriale 6 marzo 2013, n. 8, ricordiamo che per Bisogni Educativi Speciali (in altri paesi europei Special Educational Needs), intendiamo la richiesta di specifica attenzione educativa  da parte degli alunni.

 

 Avendo operato una scelta educativa che privilegia la logica dell’inclusione, la cura al successo formativo, il riconoscimento del diritto alla personalizzazione dell’apprendimento, mettiamo in atto, laddove necessario, percorsi didattici individualizzati e personalizzati, intendendo per intervento individualizzato un’azione formativa che lascia invariati gli obiettivi comuni del gruppo-classe, pur adattando le metodologie in funzione delle caratteristiche individuali del discente, per intervento personalizzato, un’azione formativa che si pone come obiettivo l’opportunità di sviluppare al meglio le potenzialità di ciascun alunno.

 

Nel dettaglio, in relazione alla natura dei bisogni educativi speciali, i nostri interventi didattici specifici riguardano tre sottocategorie:

-          Svantaggio socio-economico, linguistico, culturale

-          Disturbi specifici dell’apprendimento (DSA)

-          Disabilità

 

 

SVANTAGGIO SOCIO – ECONOMICO, LINGUISTICO, CULTURALE

Questa area va riferita  ad una particolare  tipologia di BES (svantaggio socio-economico, linguistico, culturale), individuata su fondate ed oggettive considerazioni psicopedagogiche e didattiche, anche in collaborazione con i Servizi Sociali, per la quale sono messe in atto strategie educative individualizzate a carattere transitorio, la loro  durata è infatti legata al periodo in cui  permane lo svantaggio.

 

DISTURBI SPECIFICI DELL’APPRENDIMENTO (DSA)

In quest’area vanno considerati i DSA (dislessia, disgrafia e disortografia, discalculia), opportunamente certificati, rispetto ai quali la scuola progetta ed attua percorsi didattici individualizzati e personalizzati.

Le strategie educative, gli strumenti compensativi e le misure dispensative, le forme di verifica e valutazione personalizzate sono esplicitate nel Piano Didattico Personalizzato (PDP), redatto dal consiglio di classe in collaborazione con le famiglie e con le istituzioni socio-sanitarie.

 

 

DISABILITÁ

In questa area vanno racchiuse quelle azioni volte a garantire un  percorso sinergico tra tutti i soggetti educativi (Scuola, Famiglia, ASL, Enti locali) per garantire la crescita e lo sviluppo delle potenzialità degli alunni diversamente abili in una pluralità di ambiti: socio-affettivo, psicomotorio, relazionale, cognitivo. Il percorso educativo degli alunni diversamente abili viene espresso nel Piano Educativo Personalizzato (PEI) redatto dal consiglio di classe in collaborazione con le famiglie e con le istituzioni socio-sanitarie.

Le azioni garantite dalla scuola, in merito ai BES e DSA, sono gestite e coordinate da un docente referente, Funzione Strumentale “Referente d’Istituto dei BES ” coadiuvato dal Gruppo di lavoro per l’inclusione.


 

 

4.   AMPLIAMENTO DELL'OFFERTA FORMATIVA

 

Nell’ottica di garantire ai nostri studenti un contesto di riferimento attento, positivo e propositivo, l’ampliamento della nostra  offerta formativa prevede, oltre l’articolazione del curriculum tradizionale già precedentemente esposta (classi 2.0 e CIE),  una serie di attività, quali: Progetti, Attività curriculari, Attività curriculari ed extracurriculari facoltative, Attività extracurriculari autofinanziate, Attività extracurriculari finanziate da enti esterni, Attività complementari.

La sinossi delle attività relativa all’ampliamento dell’offerta formativa è contenuta nella sezione Allegati.

 

4.1       PROGETTI

 Descrizione

  • Si svolgono in orario pomeridiano

·   Hanno una ricaduta trasversale su più classi e una durata annuale e/o pluriennale

  • Certificano le  competenze acquisite dagli studenti, spendibili anche in ambiti non scolastici

-          EQF (Raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio del 18 dicembre 2006 e del 23 aprile 2008)

-          Strategia ET2020 (Consiglio europeo del 12 maggio 2009)

-          Documento sottoscritto da “Presidenza del Consiglio dei Ministri, Conferenza permanente Stato, Regioni, Province Autonome: accordo per la referenziazione del sistema italiano delle qualifiche al EQF, di cui alla Raccomandazione del Parlamento europeo e del 23 aprile 2008)”

  • Prevedono il riconoscimento finanziario delle attività svolte da parte di  tutti i soggetti a carico del FIS o delle istituzioni coinvolte
  • Implicano la documentazione delle attività svolte e la reperibilità della stessa

 

Attività

·         Corso di matematica intuitiva

Il corso è finalizzato a promuovere l’interesse e il gusto dello studio della matematica, intesa  come scienza logica e creativa. È coordinato sia da docenti interni sia da esperti esterni.

 

·         Orientamento in rete

Il corso si articola in una serie di interventi didattici focalizzati sullo svolgimento di esercitazioni e simulazioni di test universitari. Esso si pone, infatti, l’obiettivo di consolidare le competenze scientifiche per l’accesso alle Facoltà medico-sanitarie (Medicina e Chirurgia, Scienze infermieristiche, Farmacia, …). Si svolge in collaborazione con l’Università La Sapienza. È coordinato da docenti interni.

 

·         Orientamento Facoltà di Ingegneria

Il corso, rivolto agli studenti delle classi quarte e quinte, è finalizzato all’orientamento e alla preformazione richiesti per l’accesso alla Facoltà di Ingegneria dell’Università Roma Tre.

 

·         Progetto Esso

L’iniziativa, realizzata con la collaborazione di esperti della Esso e rivolto agli studenti delle classi terze, si propone di migliorare le conoscenze dei settori tecnico – scientifici e dei sistemi organizzativi delle realtà aziendali.

 

·         Olimpiadi di Matematica

L’attività  si propone di incoraggiare i ragazzi bravi in Matematica a partecipare, sia individualmente sia a squadre,  alle Olimpiadi  di Matematica organizzate dall’UMI (Unione Matematica Italiana). Gli  studenti hanno la possibilità di prepararsi alle gare attraverso corsi pomeridiani, incentrati sul potenziamento della capacità di lavorare in gruppo; proprio questa metodologia costituisce per loro un’importante occasione di incontro e di confronto. Il tutto sullo sfondo di un clima di competizione.

 

 

4.2       ATTIVITÁ CURRICULARI A CURA DEI CONSIGLI DI CLASSE

Descrizione

  • Sono svolte in orario curriculare
  • Sono condivise dal C d C
  • Vanno inserite nella programmazione del C d C ed individuale
  • Sono rivolte ad un limitato numero di alunni
  • Non  sono  spendibili a livello di certificazione
  • Non sono incentivabili in quanto il progetto curriculare è assimilabile alla preparazione delle lezioni

 

 Attività

·         Cicli di conferenze

Rientra nella tradizione culturale del nostro liceo, l’organizzazione di conferenze nelle quali sono invitati esperti di settore o docenti universitari. Esse costituiscono per gli studenti un’occasione di approfondimento e di confronto su tematiche attuali - sociologiche, economiche, storiche, scientifiche, artistiche – e quindi l’opportunità di consolidare le competenze di cittadinanza attiva.

 

·         Approfondimenti tematici

Gli studenti, anche attraverso lo studio dell’espressione teatrale e cinematografica, sono guidati in attività di ricerca laboratoriale sui temi dell’intercultura, della solidarietà e  della migrazione.

 

·         Visite d’istruzione

La scuola organizza visite culturali, in orario curriculare o per l’intera giornata, rivolte alla conoscenza di  mostre, eventi, luoghi istituzionali, monumenti della nostra città o del territorio limitrofo.
 

·         Spettacoli cinematografici e teatrali

Ogni anno vengono proposti alle classi almeno uno spettacolo teatrale e uno spettacolo cinematografico, in sale e teatri della città. La scelta degli spettacoli tiene conto delle fasce di età e dei contenuti disciplinari della  nostra offerta formativa. L’attività si propone  di educare gli studenti alla lettura e alla fruizione del linguaggio teatrale e cinematografico e di consolidare in essi l’attenzione alla interdisciplinarietà e alla  multidisciplinarietà. Il raggiungimento di tale obiettivo prevede  anche incontri con esperti del settore.

 

·         Quotidiano in classe

L’attività è  svolta in collaborazione  con l’Osservatorio Giovani Editori. Essa, grazie al fatto che ogni giorno pervengono alla scuola vari quotidiani, offre agli studenti un’importante occasione per misurarsi con la pluralità dell’informazione e per  affinare l’attitudine al confronto critico. L’iniziativa vede i nostri ragazzi nella duplice veste di  lettori consapevoli e di “giornalisti in erba” grazie alla piattaforma messa a disposizione dall'Osservatorio stesso, in virtù della quale gli studenti possono produrre articoli, inchieste, video su tematiche indicate settimanalmente da giornalisti delle testate che aderiscono al progetto (Corriere della Sera, Il Sole 24 ore, La Stampa).

 

·         Olimpiadi sportive

I docenti di Scienze Motorie, utilizzando la ricchezza delle attrezzature sportive di cui dispone il nostro Liceo, organizzano  di tornei  e gare interne di atletica leggera.

 

4.3       ATTIVITA’ CURRICULARI ed EXTRACURRICULARI FACOLTATIVE

Descrizione

  • Si svolgono in orario prevalentemente curriculare
  • Prevedono un’adesione su base volontaria e/o su indicazione dei docenti
  • Si rivolgono ad un numero limitato di studenti
  • Prevedono un compenso per i referenti e i collaboratori a carico del FIS
  • Implicano la pianificazione, la documentazione delle attività svolte e la reperibilità della stessa

 

Attività

·         Educazione alla solidarietà

      Adozione a distanza

In collaborazione con l’Associazione “Amici di Texo”, ogni classe  del Liceo, a partire  dall’anno scolastico 2005/2006, ha adottato una famiglia del Rwanda. L’adozione viene rinnovata annualmente. Gli studenti delle quinte, terminato il loro percorso scolastico, affidano la “loro famiglia” alla nuova prima.

A latere di questa attività si è consolidata un’altra tradizione, la “merenda di beneficienza” di Natale, durante la quale gli studenti si scambiano dolci, per raccogliere fondi da destinare all’Associazione stessa.

L’Associazione “Amici di Texo” è stata costituita a settembre 2005 dalla famiglia Di Fazio, in ricordo di Matteo, studente del Liceo “Cannizzaro”

     Progetto Caritas

Durante l’anno scolastico gli studenti  prestano attività di volontariato presso la mensa della Caritas di Roma e, sempre in collaborazione con la Caritas, in occasione delle feste natalizie procedono alla raccolta di prodotti alimentari e di generi di prima necessità da destinare alle famiglie bisognose.

     

·         Italiano per stranieri

L’iniziativa è rivolta agli studenti stranieri presenti nella scuola. È finalizzata all’insegnamento degli elementi fondamentali della lingua italiana, nell’ottica della facilitazione dell’integrazione culturale

 

·         I percorsi della memoria

Il progetto si propone di approfondire alcune tematiche storiche del Novecento, in modo particolare la shoah e l’esodo giuliano – dalmata, affinché le nuove generazioni possano interpretare il passato come risorsa utile alla comprensione critica e consapevole del presente.

Esso si articola in laboratori di ricerca e conferenze ed eventuali visite e/o viaggi.

 

·         La fotografia come strumento critico di osservazione

Il progetto, rivolto agli studenti del secondo biennio, si propone di valorizzare la fotografia come strumento di osservazione critica, al fine di promuovere la sensibilità verso la conoscenza e la conservazione del nostro patrimonio artistico.

 

·         Gruppo sportivo della scuola

Ogni anno i nostri studenti  partecipano ai giochi studenteschi nelle discipline di: corsa campestre, atletica leggera maschile e femminile, pallavolo femminile e maschile, basket maschile, tennis tavolo maschile e femminile, beach volley, tennis, scacchi.

 

 

 

4.4       ATTIVITÁ EXTRACURRICULARI AUTOFINANZIATE

Descrizione

  • Si svolgono in orario extracurriculare
  • Sono facoltative
  • Sono gestite da Soggetti accreditati e certificati
  • Producono certificazioni e/o attestati
  • Sono autofinanziate
  • Prevedono un compenso per i referenti a carico del FIS
  • Implicano la  pianificazione e la documentazione delle attività svolte e la reperibilità della stessa

 

Attività

·         Telemachia (Laboratorio teatrale)

Il laboratorio, a cura del Centro studi Enrico Maria Salerno, si propone di creare un testo teatrale composito, dialoghi, filmati, disegni, musiche, a partire dalla Telemachia, ovvero dalla ricerca del padre da parte del figlio, intesa anche come metafora della vita. La prima parte del corso prevede lo studio dell'Odissea con approfondimenti sulla figura di Telemaco e il suo rapporto con il padre Odisseo. La seconda parte consiste nella scrittura e nella messa in scena di un testo teatrale  da parte dei ragazzi.

 

·         Diplomatici all’ONU

Il progetto è finalizzato a rafforzare l’educazione al  confronto,  la padronanza  della lingua inglese e la conoscenza del sistema giuridico degli organismi internazionali, nello specifico dell’ONU. Esso infatti prevede un’attività di formazione a scuola e un’attività pratica, consistente nella elaborazione, presentazione e discussione di una risoluzione (in lingua inglese), presso la sede dell’ONU a New York .

 

·         Democracy

L’iniziativa consiste in un corso di formazione – azione a carattere nazionale curato da esperti del settore e finalizzato alla conoscenza dell’assetto costituzionale della Repubblica Italiana. La conclusione del progetto prevede la produzione di una proposta di legge, da parte degli studenti, che sarà poi  discussa ed approvata in una seduta di simulazione da realizzarsi  nella  Camera dei Deputati di Montecitorio.  

 

·         Corsi ECDL

Il Liceo “Cannizzaro” è stato riconosciuto dall’AICA (Associazione Italiana per l’Informatica ed il Calcolo Automatico) come Test Center abilitato a tenere esami e rilasciare certificazioni ECDL (la cosiddetta “Patente Europea del Computer”), a tale scopo la scuola organizza corsi di formazione aperti al territorio, al personale della scuola e, con priorità assoluta rispetto agli altri utenti, agli studenti interni.

Il conseguimento della ECDL certifica il possesso di tutte quelle competenze digitali necessarie ad affrontare le attività disciplinari del mondo della scuola e quelle operative e professionali del mondo del lavoro.

Gli studenti che ottengono la patente informatica possono spendere  questo titolo ai fini del  credito formativo.

·         Corsi CAD

Da alcuni anni sono attivi nella scuola i corsi CAD (Disegno tecnico digitale), finalizzati all’acquisizione di quelle competenze digitali, utili alla attività grafica e di progettazione (architettonica, ingegneristica, meccanica etc.).  È coordinato da un  docente interno.

 

·         Scuola estiva di Grafica 3D

L’iniziativa, che si terrà nel periodo giugno/luglio, è rivolta agli studenti e agli adulti sia interni sia esterni alla scuola. Esso si propone di fornire tecniche di modellizzazione e rendering di oggetti 3D.

 

·         Corsi di lingue

L’attività costituisce da tempo una tradizione della nostra scuola. Essa prevede corsi di  lingua inglese, francese, spagnolo e cinese tenuti da insegnanti madre lingua. Si articola in gruppi di livello, si fonda sul metodo diretto ed interattivo ed è finalizzato all’uso corretto e corrente delle lingue. Il superamento degli esami Cambridge, Delf e Dele a fine corsi certifica le competenze linguistiche acquisite.

L’attività è gestita dalla Darby school of languages con la collaborazione di docenti interni. 

 

4.5       ATTIVITÁ EXTRACURRICULARI FINANZIATE DA ENTI ESTERNI

Descrizione

  • Si svolgono in orario extracurriculare
  • Sono facoltative
  • Sono finanziate da  Enti esterni
  • Implicano la documentazione delle attività svolte e la reperibilità della stessa

   

Attività

  • Romarock Roma pop

Il progetto, patrocinato e finanziato dal Comune di Roma, consiste nell’attivazione di un laboratorio musicale, finalizzato a potenziare la cultura musicale e  la creatività dei ragazzi.

Esso si articola in corsi di chitarra classica, acustica ed elettrica strutturati in gruppi di due/tre allievi suddivisi per livelli e per tipologia di strumentazione.

 

  • Sapere i sapori

L’iniziativa, patrocinata e finanziata dalla Regione Lazio, si rivolge a tutti gli studenti con l’obiettivo di diffondere una corretta educazione alimentare.

 

4.6       ATTIVITÁ COMPLEMENTARI

Descrizione

  • Interventi occasionali e comunque di breve durata
  • Assimilabili per tipologia
  • Coordinate dalle Commissioni di riferimento

 

       Attività

4.7       PROMOZIONE DELLE ECCELLENZE

·         Premio letterario Cannizzaro

Il concorso costituisce uno spazio dedicato alla creatività e alla sensibilità personale dei ragazzi. Promuove l’espressione libera di talenti emergenti e valorizza gli interessi letterari degli studenti. Ha la finalità di far emergere le personalità dei giovani autori e di far loro sperimentare nel concreto le fasi di elaborazione di un progetto letterario.

Il Premio Letterario Cannizzaro per la Prosa e per la Poesia ha festeggiato nell’A.S. 2010-2011 il suo decimo anniversario e continua puntualmente ad interessare e motivare i ragazzi nel loro spazio di scrittura creativa.

 

·         Premio di scrittura “Carlo Munno”

Il premio di scrittura giornalistica “Carlo Munno” è stato istituito dalla famiglia Munno in ricordo di Carlo, studente del Liceo Cannizzaro. Con questo riconoscimento la famiglia e la scuola intendono  ricordare l’amore e l’interesse per la scrittura di Carlo. Il premio viene attribuito al migliore articolo o saggio su una tematica specifica scelta da un’apposita commissione  e comunicata annualmente nel bando di concorso.

 

·         Borsa di studio “Matteo Di Fazio”

La Borsa di Studio “Matteo Di Fazio”, istituita nel ricordo di Matteo studente del Liceo Cannizzaro, premia il merito, il profitto scolastico e incoraggia l’impegno e la partecipazione dei giovani nel sociale.

Punti di forza di questo riconoscimento sono il senso del dovere, l’assunzione di responsabilità e la partecipazione dei giovani alle problematiche sociali.

La famiglia Di Fazio, con la loro fondazione Amici di Texo, il IX Municipio, la Banca di Credito Cooperativo di Roma, la Darby School, permettono la realizzazione di tale iniziativa. L’assegnazione di borse di studio è lo strumento che consente di dare tutto il peso possibile alla cultura facendo comprendere ai nostri studenti che la scuola ricopre un ruolo centrale e insostituibile. E’ un messaggio fondamentale  per motivare le nuove generazioni alla consapevolezza della cultura intesa come valore dominante in grado di capire ed interpretare le problematiche del nostro quotidiano.

Le borse di studio previste sono sei.

 

·         Π day

I’iniziativa, rivolta a tutti gli studenti,  è finalizzata a promuovere e a valorizzare l’apprendimento delle materie scientifiche. Essa consiste in una giornata di  ricerca – azione scientifica nella quale i ragazzi rivestono il ruolo di fruitori e di attori.

Fruitori, in quanto destinatari di conferenze tenute dai docenti della scuola, e  attori, in quanto essi stessi tengono micro conferenze e partecipano a gare matematiche svolte per squadre – classi

·         Piano Lauree Scientifiche

Con questa denominazione si intende una serie di attività a cui  possono partecipare gratuitamente alunni della stessa classe o di classi diverse, con l'assistenza di un docente della scuola e di un docente della Facoltà di Fisica dell’Università Roma Tre. Le attività (relative ad esempio all’ Astrofisica, alla Chimica, alla Termodinamica, ecc) si svolgono all'Università e sono pomeridiane. Il progetto è volto ad approfondire   alcuni temi scientifici e a  potenziare l’interesse dei giovani verso le Facoltà Scientifiche.                                                                      Il Piano Lauree Scientifiche, inoltre,  offre ai più meritevoli la possibilità di partecipare alla Master class, ovvero l’opportunità di trascorrere una “giornata da ricercatore” presso il Dipartimento di Fisica dell’Università Roma Tre di Roma.

 

 

·         Formazione/orientamento Università di Pisa

La scuola individua  cinque studenti particolarmente meritevoli e motivati, con una media superiore all’otto per tre anni consecutivi, affinché possano  inoltrare le relative  domande di ammissione alla  graduatoria degli aventi diritto all’iscrizione gratuita al corso di formazione ed orientamento estivo dell’Università Normale di Pisa.     

 

·         Scuola di Fisica

L’Istituto seleziona  due studenti particolarmente  meritevoli e motivati nello studio della Fisica, nelle sue diverse articolazioni (Astrofisica, Termodinamica. Etc. ) affinché possano frequentare  gratuitamente  la “Scuola di Fisica”, consistente in due giornate di ricerca teorica e sperimentale  che si svolgeranno a dicembre presso l’Università Roma Tre.

 

·         Il mio futuro… un progetto di successo

L’iniziativa, promossa dal Project Management Institute con il patrocinio del IX Municipio EUR,  si articola in un corso, finalizzato al potenziamento della competenze chiave della gestione di progetti (leadership, comunicazione, intelligenza emozionale…), e in una grande business game, che ricalca la realtà aziendale, in cui gli studenti si sfidano in gruppi.

 

·         Olimpiadi della cultura  e del talento

Le Olimpiadi rappresentano un Concorso Culturale Nazionale e consistono in una competizione multidisciplinare a cui ogni scuola partecipa attraverso gruppi di squadre. La caratteristica del Concorso è, nell’ambito delle finali, la Prova Talento nella quale i partecipanti esprimono una loro particolare dote artistica acquisita in ambito extrascolastico.

 

·         Concorso Ambasciatori dei diritti umani 2014 – 2015

La nostra scuola è stata invitata a partecipare al Concorso a premi  Ambasciatori dei Diritti Umani  dalla  Società Umanitaria, con la LIDU – Lega Internazionale per i Diritti Umani -  Milano, affiliata all’Int’l League for Human Rights di New York, e la SIOI - Società Italiana per l’Organizzazione Internazionale. Il Concorso, cui possono partecipare quattro studenti dell’Istituto, si propone  dipotenziare  nei giovaniuna profonda e proficua consapevolezza della fondamentale rilevanza dei Diritti Umani.

Nella passata edizione, il progetto si è concluso  con l’attribuzione di nove premi consistenti in un viaggio a Ginevra, con visita  al Palazzo delle Nazioni Unite, al Nuovo Museo della Croce Rossa e Al  CERN e in un Corso di formazione e aggiornamento, dal titolo “Insegnare i Diritti Umani”, organizzato da SIOI, presso il Palazzo dei Priori di Assisi.

 

In allegato la sinossi delle attività relative all’ampliamento dell’offerta formativa

4.8         VIAGGI DI ISTRUZIONE

 

Il liceo organizza ogni anno viaggi d’istruzione in Italia e all’estero, i cui itinerari sono sempre in linea con l’offerta educativo – formativa della scuola. Essi si articolano in tre tipologie: viaggi a carattere prevalentemente culturale, viaggi a carattere prevalentemente sportivo naturalistico, viaggi a carattere culturale – laboratoriale.

 

·         Viaggi a carattere prevalentemente culturale

Costituiscono un’importante occasione di socializzazione e di approfondimenti culturali, grazie alla conoscenza diretta di diverse testimonianze storiche, artistiche e naturali. Possono rappresentare anche la conclusione di un percorso annuale  di approfondimento storico – artistico – letterario.

 

·         Viaggi a carattere prevalentemente sportivo -  naturalistico

Questa categoria di viaggi,  detta anche  “Campi scuola”, riesce a unire le attività motorie con l’educazione all’ambiente e il rispetto del patrimonio artistico culturale.

Essa si concretizza in un’esperienza vissuta in una località nazionale, durante la quale gli studenti da “turisti” diventano  “esploratori” di un habitat naturale e di un tessuto culturale sconosciuti, scoprendo sport, tradizioni gastronomiche, dimensioni storiche e   artistiche.

I campi scuola che rientrano in tale categoria di viaggi  sono:

Campo scuola Policoro a cura del Circolo Velico Lucano

Campo scuola sulla neve

Campo scuola  Natura e trekking

Campo scuola “La corte della miniera”

 

·         Viaggi a carattere culturale – laboratoriale

In questa area rientra il tradizionale Festival della Filosofia della Magna Grecia. L’esperienza è rivolta alle classi del triennio e consiste in un viaggio studio nei luoghi  simbolo della Filosofia antica ed occidentale. Essa offre ai ragazzi la possibilità di  realizzare un percorso filosofico dentro e fuori di sé, attraverso il metodo  della  ricerca – azione, la pratica dei laboratori e  dell’”agorà” (intesa come spazio di ascolto e di confronto). Per l’attuale anno scolastico la meta prevista è la Grecia classica.

 

 

4.9       CITTADINANZA ATTIVA

·         Donazione del sangue

Le U.O.C. degli Ospedali San Giovanni Addolorata e Sant’Eugenio, ogni anno, offrono la possibilità agli studenti maggiorenni di donare il sangue, allestendo all’interno della scuola delle unità operative.

 

·         Sportello di Ascolto a cura dell’Istituto di Ortofonologia

Ilprogetto, finanziato dalla Regione Lazio e organizzato  dall’Istituto di Ortofonologia, consiste in  uno sportello di ascolto psicologico  gratuito. L’Istituto offre inoltre  un’attività di consulenza e di informazione relativamente ai DSA e ai  BES.

 

·         CIC – Centro di Informazione e Consulenza

Questo spazio offre agli studenti in difficoltà, ai genitori, ai docenti la possibilità di affrontare problemi di carattere personale, psicologico, familiare, relazionale o scolastico, in un contesto che garantisce l’ascolto e l’attenzione  da parte di uno psicologo professionista. Al servizio, che è svolto nella tutela  della riservatezza, si può accedere attraverso una prenotazione.

 

·         Amico andrologo

L’iniziativa, rivolta agli studenti maschi della classi quinte e condotta da un’ equipe medica dell’Università La Sapienza - Dipartimento di medicina sperimentale – si propone di educare alla salute e in modo particolare di sensibilizzare alla prevenzione dell’infertilità maschile.

 

·         Prevenzione alle  tossicodipendenze

L’iniziativa si articola in una serie di incontri con esperti socio-pscico-sanitari della ASL Roma C Unità operativa di II livello e del Municipio VIII e si pone come obiettivo la prevenzione delle tossicodipendenze.

 

·         Educazione alla legalità

I percorsi legati a questo tema riguardano una serie di iniziative (studio, dibattiti, spettacoli teatrali) sul tema delle mafie, promosse dall’Associazione Libera. Le attività sono finalizzate a promuovere nei ragazzi la cultura della legalità e della giustizia.

 

 

Le attività relative all’ampliamento dell’offerta formativa sopra descritte possono arricchirsi ulteriormente sulla base delle azioni promosse da una figura interna alla scuola, Funzione Strumentale “Responsabile dell’immagine  e della comunicazione” , che (coadiuvata dal gruppo di lavoro “Progetti” e dal responsabile del sito web) cura in modo particolare la ricerca di bandi ed avvisi di soggetti pubblici e privati e tutte le procedure di adesione a bandi e convenzioni.

  


5.   LE ATTIVITÁ

5.1.      L’ACCOGLIENZA

Il Progetto Accoglienza nasce con l’intento di  guidare gli alunni delle classi prime al loro primo ingresso nella scuola, ma soprattutto  si propone l’obiettivo di  creare favorevoli condizioni di apprendimento per tutti gli alunni delle classi iniziali, compresa la classe terza.

 

Esso si articola in due fasi: la fase dell’accoglienza ambientale e la fase dell’accoglienza didattica

·         Accoglienza ambientale (rivolta alle classi prime)

-          Il primo giorno di scuola gli studenti delle classi prime sono accolti da un docente del consiglio di classe, delegato dal Dirigente Scolastico, e seguono un orario non coincidente con quello delle altre classi, affinché possano familiarizzare gradualmente con il nuovo ambiente.

-          nei primi giorni di scuola gli studenti delle classi prime sono accompagnati dai docenti negli spazi della struttura scolastica, affinché possano prendere conoscenza sia dell’ambiente sia dei  servizi. 

 

·         Accoglienza didattica

L’Accoglienza didattica  prevede azioni diversificate nelle classi prime e terze:

-          nei primi  due/tre giorni di scuola i docenti   forniscono agli studenti delle classi prime informazioni sul POF e sul Regolamento di Istituto; somministrano sia agli studenti delle classi prime sia a quelli delle terze  dei test d’ingresso allo scopo di  individuare il livello di partenza di ciascun studente e, quindi,  di progettare gli  idonei interventi didattici.

-          nelle prime due settimane (a partire dal termine della somministrazione dei test), nelle classi prime viene svolta un’azione didattica mirata al potenziamento delle abilità trasversali e di base, progettata ed attuata  daidocenti dell’area linguistica e logico – matematica; nelle classi terze viene svolta un’azione didattica mirata al potenziamento del metodo di studio (comprensione del testo;gestione degli strumenti espressivi ed argomentativi della comunicazione), progettata ed attuata dal Consiglio di classe.

-          nel periodo Settembre/Novembre viene attivato lo “Sportello metodologico “ finalizzato al rafforzamento delle abilità di base, per le classi prime, e del metodo di studio, per le classi terze.

Esso è strutturato su temi/argomenti specifici, individuati dai Dipartimenti ed organizzati dalla Commissione Compensazione; la sua frequenza avviene su indicazione dei docenti della classe.

.

 

5.2.      L’OBBLIGO FORMATIVO

L’obbligo formativo rappresenta il diritto dovere  di frequentare attività di formazione fino a 18 anni di età. É stato introdotto dalla Legge del 17 maggio del 1999, n. 199 e integrato dalla Legge del 28 marzo 2003, n.53 e successivamente dal Decreto Legge  del 15 aprile 2005, n. 76.

Oltre a prolungare la durata dei percorsi formativi rispetto al passato, allineandosi ai paesi dell’Unione Europea, riconosce pari dignità ai diversi percorsi formativi: Istruzione Scolastica, Formazione Professionale, Apprendistato.

Ciò significa che al termine dell’obbligo scolastico (16 anni)  lo studente, sulla base dei propri interessi e delle proprie capacità, può scegliere di seguire uno dei tre percorsi possibili, fino al compimento del diciottesimo anno di età.

Anche durante lo svolgimento del percorso formativo il giovane può passare da un sistema all’altro, avvalendosi della certificazione e del riconoscimento dei crediti formativi che ciascuno di essi rilascia, proprio perché i tre sistemi sono considerati equivalenti.

 

 

 

5.3.      L’ORIENTAMENTO

Per orientamento si intende quel processo  attraverso il quale l’individuo sviluppa capacità e acquisisce strumenti che lo mettano in grado di porsi in maniera sempre più consapevole e critica di fronte alla realtà che lo circonda e di compiere delle scelte più responsabili sia sul piano esistenziale  che su quello sociale.

In questa ottica noi realizziamo l’orientamento in ingresso, l’orientamento in itinere, l’orientamento in uscita.

 

Orientamento  in ingresso

Con l’orientamento in ingresso veniamo in contatto con le famiglie e le scuole secondarie di primo grado del territorio nell’intento di costruire un confronto ed uno scambio educativo proficuo e propositivo. Esso si articola nelle seguenti attività:

 

·        Continuità formativa con la scuola secondaria di primo grado

I docenti  delle scuole secondarie di primo grado del territorio possono visionare il materiale didattico fornito dai nostri Dipartimenti Disciplinari (test d’ingresso - prove comuni) e viene data la possibilità agli studenti interessati di assistere a lezioni presso le due sedi del Liceo.

·        Incontri con le famiglie

Nel periodo novembre-febbraio vengono attivate iniziative di informazione rivolte alle famiglie degli studenti frequentanti la terza classe della scuola secondaria di primo grado del territorio: giornate di open-day

·        Incontri con i docenti responsabili dell’Orientamento

-  partecipazione ad iniziative di informazione presso le scuole del territorio e il Centro Culturale “Elsa Morante”

-   partecipazione alle attività della rete delle scuole del distretto

·        Consulenza ai genitori da parte dell’Ufficio di segreteria per l’iscrizioni on line alle classi prime

 

Orientamento in itinere

L’Orientamento in itinere prevede l’attivazione di uno sportello, tenuto da un docente interno, rivolto agli studenti che presentano disagi nel proprio percorso formativo. L’azione dello sportello è finalizzata a promuovere negli studenti in difficoltà

·        la conoscenza e la consapevolezza di sé

·        l’auto-motivazione attitudinale e vocazionale

·        la comprensione/chiarificazione della problematica decisionale con relativa auto-esplorazione di aspetti cognitivi, motivazionali, relazionali ed operativi per il raggiungimento di una dimensione più soddisfacente e creativa.

 

 

Orientamento in uscita

Con l’Orientamento in uscita intendiamo non la fase finale di un percorso, ma un momento significativo del processo formativo dell’individuo, teso all’autoconsapevolezza dei propri bisogni, dei propri interessi e dei propri punti di forza. Esso si articola nelle seguenti attività:

 

·        Diffusione di materiale  informativo a disposizione degli studenti delle classi quarte e  quinte di entrambe le sedi utile alla conoscenza delle facoltà universitarie e dei corsi post-liceo.

·        Incontri di informazione su percorsi formativi post-diploma con docenti e rappresentanti dei Centri di orientamento degli Enti locali.

·        Visita e contatti con gli atenei della città: incontri con docenti universitari, conferenze, seminari.

·        Preparazione alle prove di accesso alle Facoltà scientifiche

 

·        Alma Orienta

Il progetto è gestito dall’Università di Bologna e si struttura in due attività: Alma diploma e Alma Orientati.

Alma  diploma raccoglie, su una piattaforma nazionale, i questionari svolti dai ragazzi delle classi quarte e quinte delle scuole aderenti, attraverso i quali il sistema fornisce un profilo sia degli alunni  sia dell’intera struttura scolastica alla quale essi appartengono.

Alma orientati consiste in un attività di vero e proprio orientamento che accompagna i ragazzi non solo nelle scelte, ma anche nei successivi percorsi universitari o lavorativi.

 

L’attività dell’Orientamento è gestita e coordinata da un docente responsabile, Funzione Strumentale “Orientamento e continuità formativa” , coadiuvato dalla Commissione Orientamento. 

 

 

5.4.      LE ATTIVITÁ DI COMPENSAZIONE

         (Recupero, Tutoraggio, Potenziamento)

 

La nostra offerta didattica è particolarmente attenta ai bisogni educativi dei singoli studenti. Per questo la scuola realizza specifici interventi di compensazione il cui scopo fondamentale è quello di rimuovere gli ostacoli che possono inficiare il conseguimento del successo formativo.

 

Essi si articolano nelle seguenti azioni in ordine di priorità:

·         Recupero in itinere

Il recupero delle carenze disciplinari, misurate in termini di conoscenze, abilità e competenze,  è parte integrante della didattica curriculare; ogni docente prevede all’interno di tale didattica momenti finalizzati al recupero, secondo la logica della personalizzazione dell’apprendimento.

 

·         Corsi di Recupero

Conformemente a quanto stabilito dal Decreto Ministeriale del 3 ottobre 2007, n. 80, nella scuola sono attivate due tipologie di corsi di recupero:

-          Corsi rivolti a   quegli studenti che negli scrutini intermedi presentano insufficienze in una o più discipline

-          Corsi rivolti a coloro per i quali, nello scrutinio finale, i consigli di classe deliberano di sospendere il giudizio di ammissione alla classe successiva.

Gli studenti, in entrambi i casi, sono tenuti a frequentare i corsi. Le famiglie, qualora non intendano avvalersi di tali iniziative, devono darne comunicazione formale alla scuola .

A conclusione dei corsi relativi allo scrutinio intermedio e/o allo scrutinio finale, tutti gli studenti, anche quelli che non li hanno frequentati, hanno l’obbligo di sottoporsi alle verifiche programmate dal consiglio di classe.

L’esito delle verifiche del recupero intermedio è comunicato alle famiglie.

L’esito negativo delle verifiche di coloro che hanno avuto la “sospensione del giudizio” preclude l’ammissione alla classe successiva.

Le modalità organizzative e il calendario delle attività di recupero sono diffuse attraverso il sito web di istituto e attraverso comunicazioni interne.

Nei casi in cui, dopo lo scrutini intermedio,  in una disciplina si riscontrino insufficienze pari al 30% - 40% l’attività di recupero sarà svolta dal docente nella propria classe  in orario curriculare attraverso l’attivazione di una didattica modulare .

La durata e il numero degli interventi sono legati alle disponibilità finanziarie della scuola.

 

·         Sportello metodologico

Il servizio dello Sportello metodologico afferisce all’attività dell’Accoglienza, infatti è finalizzato al rafforzamento delle abilità di base, per le classi prime, e del metodo di studio, per le classi terze; è attivo da ottobre a novembre; è strutturato su temi/argomenti specifici, individuati dai Dipartimenti. La frequenza allo sportello deve essere indicata dai docenti

 

·         Tutoraggio

Il  servizio di tutoraggio offre allo studente, che necessita di ulteriori spiegazioni o di approfondimento, la possibilità di trovare, in precisi orari pomeridiani, docenti di molte discipline disponibili ad intervenire al riguardo.  Gli alunni possono accedere ad esso spontaneamente o su segnalazione dei propri docenti.

Il servizio è strutturato in gruppi di almeno quattro studenti e si attiva  dietro prenotazione  nella quale può essere  indicato  l’argomento che si intende approfondire. Ciò al fine di costruire, ove possibile, gruppi di livello.

Le modalità organizzative e il calendario dell’attività di tutoraggio sono diffuse attraverso il sito web di istituto e attraverso comunicazioni interne.

La durata e il numero degli interventi sono legati alle disponibilità finanziarie della scuola.

 

·         Potenziamento delle classi quinte

In previsione degli esami di stato, il nostro liceo organizza per le classi quinte corsi di potenziamento, progettati e realizzati dai singoli  consigli di classe. Essi sono finalizzati all’approfondimento di tematiche a carattere disciplinare e multidisciplinare.

L’entità degli interventi è legata alle disponibilità finanziarie della scuola.

 

Le attività sono gestite e coordinate da un docente responsabile, Funzione Strumentale “Didattica e successo formativo”, coadiuvato dal Gruppo di lavoro Compensazione.

 

5.5.      MOBILITÁ DEGLI STUDENTI

 

All’interno del processo di internazionalizzazione la mobilità studentesca costituisce un fenomeno in progressivo aumento tra i giovani. Per questo la nostra scuola, anche in applicazione delle Linee di indirizzo sulla mobilità studentesca internazionale individuale - MIUR 10 aprile 2013, promuove ogni forma di collaborazione con la scuola straniera, le famiglie e gli studenti per la definizione di azioni di monitoraggio, valutazione e valorizzazione di tali esperienze.

 

 

Azioni  del C d C

·         Prima della partenza  indica allo studente le attività didattiche da svolgere per rafforzare gli eventuali punti di fragilità e per integrare i nuclei fondanti delle discipline che non appartengono al curriculum della scuola all’estero.

·         Durante il soggiorno mantiene contatti con lo studente  e la famiglia.

·         Al termine dell’esperienza all’estero valuta il percorso formativo dello studente partendo dalla documentazione rilasciata dall’istituto straniero.

·         Prima dell’inizio dell’a.s. successivo

-          procede ad una valutazione globale dello studente, sulla base di quanto precedentemente

concordato  con lo stesso, valorizzando anche gli apprendimenti non formali e informali,

nonché le competenze trasversali acquisite.

-          attribuisce il credito scolastico

 

 

Azioni dello studente

·         Mantiene i contatti con i docenti della classe e  con la scuola.

·         Una volta conseguito un titolo di studio all’estero, si impegna ad ottenere dal Consolato italiano di riferimento la “dichiarazione di valore” del titolo stesso.

·         Concorda con i docenti gli approfondimenti disciplinari sui quali sarà valutato.

 

 

Azioni della famiglia

·         Prima di avviare le procedure attinenti alla mobilità studentesca all’estero acquisisce dal Consiglio di classe un’ analisi dei punti di forza e di fragilità dello studente

·         Prima della partenza  fornisce alla scuola un’ampia informativa sull’istituto scolastico o formativo che lo studente intende frequentare all’estero, sui relativi programmi e sulla durata della permanenza

·         Durante il soggiorno  facilita la comunicazione scuola alunno anche attraverso la condivisione di un piano scadenze per le informazioni

 

Tutte le azioni precedentemente descritte concorrono a definire il “Contratto formativo mobilità studentesca” che sarà sottoscritto dai soggetti coinvolti (Consigli di classe, studenti, famiglie).

 

5.6.      PRINCIPI DELLA VALUTAZIONE

La nostra azione didattica poggia  su un’ampia gamma di tipologie di verifiche il cui esito viene definito  sulla base di indicatori cognitivi e criteri di misurazione espliciti. Ciò  al fine di rendere  la valutazione stessa il più possibile oggettiva e trasparente.

 

Tipologie di verifiche

Per tutte le discipline si prevedono diverse tipologie di prove di verifica, in ottemperanza alla normativa:

  • prove scritte: elaborati di varia natura, questionari strutturati, semistrutturati a risposta aperta e/o chiusa
  • prove orali: interrogazioni, relazioni su argomenti di studio o attività svolte, interventi personali in discussioni guidate
  • prove grafiche per Disegno e Storia dell’Arte
  • prove pratiche per Scienze Motorie e Sportive

 

Criteri di valutazione

La valutazione degli apprendimenti è finalizzata all’accertamento del livello delle conoscenze, delle abilità e delle competenze possedute dall’alunno.

A tal fine i docenti utilizzano le griglie di valutazione relative alla propria disciplina, elaborate e concordate nell’ambito dei Dipartimenti.

Tali griglie sono definite a partire dalla tabella generale di seguito riportata, la quale non deve intendersi come uno schema rigido da applicare alla dinamica dei processi didattici e valutativi, ma come criterio di orientamento comunemente condiviso e dotato di opportuna flessibilità.

 

 

Tabella di valutazione  generale

4.9.1.1     Voti

Raggiungimento obiettivi

Descrittori

Fino a 3


Del tutto insufficiente

Assenza di conoscenze/errori numerosi e gravi.

Orientamento carente.

Scarsa risposta alle sollecitazioni.


4


Gravemente insufficiente

Numerosi errori.

Poca partecipazione.

Conoscenze frammentarie.


5

 


Insufficiente

Errori.

Conoscenze disorganiche.

Esposizione approssimativa.


6


Sufficiente

Comprensione dei nessi fondamentali.

Esposizione nel complesso adeguata.

Organizzazione essenziale delle conoscenze.



7



Discreto

Partecipazione attiva.

Applicazione delle competenze acquisite a casi diversificati.

Conoscenze adeguate.

Procedura ed esposizione corrette.



8



Buono

Partecipazione impegnata.

Applicazione delle competenze acquisite  a situazioni nuove.

Dominio delle conoscenze e degli strumenti logici, capacità di progettazione del proprio lavoro. Chiarezza espositiva.

9-10

Ottimo

Forte motivazione. Ampie conoscenze.

Elaborazione autonoma.

Piena padronanza dell’esposizione.

Notevoli capacità di analisi, sintesi e progettazione del proprio lavoro.

 

 

 

Alla tabella sopraindicata vanno aggiunte

 

·         Le tabelle di valutazione per le simulazioni di prima e seconda prova scritta degli Esami di Stato, elaborate dai Dipartimenti di Lettere e di Matematica, e la tabella di valutazione delle simulazioni di terza prova, elaborate e condivise dai Consigli delle classi quinte.

Le suddette tabelle sono in allegato.

 

·         Le tabelle di valutazione disciplinari (si rimanda alle programmazioni di Dipartimento e alle relative tabelle di valutazione pubblicate sul sito web d’istituto)

 

·         I criteri di attribuzione del voto di condotta

Il voto di condotta è attribuito sulla base di un’apposita tabella ( in allegato).

 

·         I criteri della  valutazione intermedia

Si rinvia alla sezione Allegati

 

·         I criteri della  valutazione finale

Si rinvia alla sezione Allegati

 

·         L’incidenza dei ritardi e delle assenze sulla valutazione

In ottemperanza all’art 14, Comma 7 del DPR del 22 giugno 2009, n. 122, alla Circolare Ministeriale del 04 marzo 2011 n. 20 e alla Circolare Ministeriale del 18 ottobre 2012, n. 88, il Consiglio di classe può procedere alla valutazione finale  di ciascun studente solo se questi abbia frequentato almeno tre quarti dell’orario annuale personalizzato, infatti il mancato conseguimento del limite minimo della frequenza comporta l’esclusione dallo scrutinio finale e la non ammissione agli Esami di Stato.

Le deroghe a tale requisito, stabilite dal Collegio dei docenti, sono in allegato.

 

·         I criteri di valutazione per gli alunni che nello scrutino di giugno hanno avuto la “sospensione del giudizio”

Si rinvia alla sezione Allegati

 

·         I criteri di attribuzione del credito scolastico  e del credito formativo

Il consiglio di classe attribuisce ad ogni alunno che ne sia meritevole, nello scrutinio finale di ciascuno degli ultimi tre anni, un punteggio, sintesi dell’andamento degli studi, denominato credito scolastico. La somma dei punteggi ottenuti nei tre anni costituisce il credito scolastico che si aggiunge ai punteggi riportati dai candidati nelle prove di esame scritte e orali. Il punteggio viene attribuito sulla base della preparazione complessiva raggiunta da ciascun alunno nell’anno scolastico (media dei voti) e sulla base di altri indicatori educativi, quali l’assiduità della frequenza scolastica, l’interesse e l’impegno nella partecipazione al dialogo educativo, alle attività complementari ed integrative ed eventuali crediti formativi (Art 11 del D.P.R. 23 luglio 1998, N. 323).

Le fasce di attribuzione dei punteggi sono indicate  nella tabella di seguito riportata. Il massimo del punteggio accumulabile nell’arco del triennio è di 25 punti.

Per quanto riguarda l’incidenza che i singoli fattori, stabiliti dalla normativa, hanno nella determinazione del punteggio, si rimanda all’Allegato “Criteri per l’attribuzione del credito scolastico”

 

 

Il credito formativo consiste in ogni qualificata esperienza, svolta fuori della scuola, debitamente documentata, dalla quale derivino competenze coerenti con il tipo di corso frequentato e comunque esperienze formative ed educative (Art.12 del D.P.R. 23 luglio 1998, N. 323). Esso non rappresenta un punteggio aggiuntivo al credito scolastico, ma uno dei fattori che contribuiscono a determinarlo.

Il  dettaglio dei  criteri per la validazione dei crediti formativi sono in allegato

 

 

TABELLA PUNTEGGIO DEL CREDITO SCOLASTICO

(sostituisce la tabella prevista dall’ art.11, comma 2 del D.P.R. 23 luglio 1998, N.323, così come modificata dal D.M. N. 42/2007)

 

 

Primo biennio

Secondo biennio

Classe

quinta

Materie / Classi

I

II

III

IV

V

Religione / Attività alternativa

1

1

1

1

1

Lingua e letteratura italiana

4

4

4

4

4

Lingua e letteratura latine

3

3

3

3

3

Storia e geografia

3

3

-

-

-

Lingua e letteratura straniera (Inglese)

3

3

3

3

3

Storia

 

 

2

2

2

Filosofia

 

 

3

3

3

Matematica

5

5

4

4

4

Fisica

2

2

3

3

3

Scienze naturali chimica e geografia

2

2

3

3

3

Disegno e storia dell’arte

2

2

2

2

2

Educazione Fisica

2

2

2

2

2

Totale quadro orario

27

27

30

30

30

.

                        

5.7.      I PROCESSI DELLA VALUTAZIONE

·         La certificazione finale delle competenze del primo Biennio

 

Secondo quanto stabilito dal Decreto Ministeriale del 22 agosto 2007, n. 139, all’adempimento dell’obbligo di istruzione e comunque al termine del primo biennio della scuola secondaria di secondo grado, la scuola certifica i saperi e le competenze acquisite.

I saperi e le competenze certificate riguardano i quattro assi culturali: del linguaggio, matematico, scientifico-tecnologico e storico-sociale. Il loro conseguimento è teso al potenziamento delle cosiddette competenze chiave (imparare ad imparare, progettare, comunicare, collaborare e partecipare, agire in modo autonomo e responsabile, risolvere problemi, individuare collegamenti e relazioni, acquisire ed interpretare l’informazione) che garantiscono il processo dell’apprendimento permanente (lifelong learning).

Le certificazioni delle competenze del primo biennio sono riconosciute a livello europeo come prerequisito di accesso al sistema della formazione professionale o a quello dell’apprendistato, qualora il ragazzo non intenda proseguire nel percorso dell’istruzione.

In conformità al D.L. del 07 settembre 2007, n. 147 a partire dall’A.S. 2011/2012 vengono inoltre

somministrate alle classi seconde prove sulle conoscenze e le abilità degli studenti, a carattere nazionale, a cura dell’INVALSI.

 

Le modalità con cui accertare le competenze in uscita vengono decise dai Dipartimenti disciplinari e vengono indicate nella Programmazione dipartimentale pubblicata ad inizio anno scolastico sul sito web di istituto.

 

·        Il monitoraggio

 

Per assicurare la corretta realizzazione delle attività programmate,  per individuare con chiarezza e tempestività le eventuali criticità e le possibili strategie di soluzione ed apportare le eventuali modifiche necessarie, in diversi momenti dell’anno, vengono  condotti

 -    il monitoraggio del grado di attuazione del POF

 -    il monitoraggio iniziale, intermedio e finale dei progetti  e delle attività che arricchiscono  

      l’offerta formativa

 -    il monitoraggio dello svolgimento della Programmazione di Dipartimento, nell’ambito delle 

      riunioni coordinate dal docente responsabile

-          il monitoraggio delle Programmazioni dei Consigli di classe, condotto nel corso delle riunioni di 

tale organismo, cui partecipano anche i rappresentanti dei genitori e degli studenti.

   

·         L’autovalutazione d’istituto

Il Liceo “Cannizzaro”, per garantire l’attenta valutazione dei risultati raggiunti e l’individuazione delle aree di possibile miglioramento del servizio erogato, rileva il grado di soddisfazione complessiva dell’utenza attraverso un sistema di monitoraggio basato su metodologie di indagine che prevedono la somministrazione di specifici questionari rivolti alle famiglie, agli alunni, al personale docente e ATA.

I criteri e le modalità di rilevazione sono comuni a tutte le scuole aderenti al Progetto Qualità della Rete "Scuoleinsieme" del IX Municipio. Un apposito gruppo di lavoro, “Commissione Certificazione”, predispone e distribuisce i questionari, raccogliere ed elabora i dati e gli eventuali suggerimenti dell’utenza su alcuni aspetti dell’organizzazione e dei servizi offerti dal Liceo.I questionari vengono somministrati con frequenza annuale.

I dati e le osservazioni vengono restituiti dal gruppo di lavoro in una relazione. Vengono pubblicati sul sito web ed offrono spunti per la riflessione ed il confronto a livello di Istituto, rappresentando un importante riferimento per la programmazione dell’anno successivo.

 

·         La valutazione di sistema

 

Il DPR N. 80/2013 e le successive norme applicative (Direttiva 11/2014; CM 47/2014) hanno fissato le priorità strategiche del Sistema Nazionale di Valutazione per gli anni scolastici 2014/15; 2015/16,   2016/2017 che vengono di seguito indicate:

o       La valutazione, curata dall’INVALSI,  è finalizzata al miglioramento della qualità dell' offerta formativa e degli apprendimenti e sarà particolarmente indirizzata:

-          alla riduzione della dispersione scolastica e dell' insuccesso scolastico;

-          alla riduzione delle differenze tra scuole e aree geografiche nei livelli di apprendimento degli studenti;

-          al rafforzamento delle competenze di base degli studenti rispetto alla situazione di partenza;

-          alla valorizzazione degli esiti a distanza degli studenti con attenzione all'università e al lavoro

o       A partire dall'anno scolastico 2014-2015 tutte le istituzioni scolastiche saranno coinvolte in un percorso, di durata triennale,  volto all’avvio e alla messa a regime del procedimento. Nello specifico nel corso del triennio saranno messi a sistema:

-          I percorsi di autovalutazione obbligatori per tutte le scuole

-          Forme di valutazione “esterna” per un campione significativo di scuole via via crescente

-          L’impegno di tutte le scuole ad adottare una gestione strategica del miglioramento e dell’innovazione

-          Forme di restituzione pubblica che promuovono una partecipazione attiva degli utenti

-          Rilevazione degli apprendimenti

 

 

Autovalutazione

A partire dall’anno scolastico 2014/2015 tutte le istituzioni scolastiche effettueranno l'autovalutazione, mediante un tracciato nazionale di indicatori e di descrittori,  finalizzata all’ analisi e alla verifica del proprio servizio e alla redazione di un Rapporto di autovalutazione (RAV) contenente gli obiettivi di miglioramento, redatto in formato elettronico.

In tal modo la scuola riesce a porsi come un’istituzione fornitrice di servizi da valutare, che devono continuamente migliorarsi, attraverso un processo di condivisione, accoglimento di suggerimenti e   autoriflessione.

 La diffusione pubblica del RAV consente, inoltre,  di coinvolgere, grazie ad un’azione trasparente, tutta la comunità sociale della scuola.

 

Miglioramento

A partire dall’anno scolastico 2015/2016, sulla base delle indicazioni, contenute nel RAV, tutte le scuole pianificheranno e realizzeranno le azioni di miglioramento secondo la logica del percorso ricorsivo tra “dati – evidenze – miglioramento – evidenze – riavvio”.

Valutazione esterna

A partire dall’anno scolastico 2015/2016 entrerà in scena la valutazione esterna ad opera delle apposite equipe di valutatori, coordinate da dirigenti tecnici e composte da esperti selezionati dall’INVALSI. Essa riguarderà solo un numero limitato di scuole: il 10%, di cui il 7% attraverso  specifici indicatori di efficienza e di efficacia, il 3% in base a campionamento casuale.                                                          L’azione di valutazione esterna costituisce una validazione dell’autoanalisi già autonomamente effettuate dalla scuole e si conclude con la restituzione del rapporto di visita da rendere pubblico.

Forme di restituzione pubblica

Nel terzo anno di messa a regime del procedimento di valutazione, anno scolastico 2016/2017, proseguono sia le iniziative di autovalutazione sia le visite dei nuclei di valutazione estese ad un nuovo contingente di scuole. Al termine del triennio le scuole  promuoveranno, a seguito della pubblicazione del primo rapporto di rendicontazione, iniziative informative pubbliche ai fini della rendicontazione sociale.  

Rilevazione nazionale  sugli apprendimenti degli studenti

Nel corso del triennio scolastico 2104/2015 – 2016/2107 l’INVALSI continuerà a garantire la rilevazione nazionali degli apprendimenti previste dal D.L. n. 147/2007. La restituzione dei risultati da parte dell’INVALSI costituisce la base per l’avvio del processo di autovalutazione e di miglioramento interno.

5.8.      AZIONI PROMOSSE DALLA SCUOLA

All’interno di questo quadro normativo, la nostra a scuola, oltre alla tradizionale autovalutazione, per la quale si rimanda al paragrafo precedente, nell’attuale anno scolastico procederà allo svolgimento dell’Autovalutazione secondo le procedure descritte, avvalendosi di un gruppo di lavoro composto dal Dirigente Scolastico,  dalla Commissione “Valutazione d’Istituto” (gruppo misto costituito da due docenti e da un rappresentante del personale ATA, degli studenti e dei genitori) e della Commissione “Certificazione”, che cura l’’implementazione del Sistema di Gestionedell’istituto secondo la norma ISO 9001:2008ed effettua un’indagine di customer satisfaction rivolta al personale docente ed ATA, agli studenti e ai genitori.

Operativamente, la scuola compilerà e pubblicherà il RAV, nel quale saranno forniti i dati informativi e statistici sugli aspetti fondamentali del funzionamento (livelli di apprendimento, organizzazione didattica, esiti scolastici, utilizzo delle risorse umane e finanziarie). Tra gennaio e febbraio, la scuola inserirà i dati di competenza ed entro la fine di marzo gli stessi dati verranno restituiti con valori di riferimento esterno definiti "benchmark". Così, in base a questi parametri di riferimento la scuola potrà confrontarsi con le altre istituzioni scolastiche e avviare il processo di autovalutazione e miglioramento. Tra marzo e giugno, individuate le aree forti o deboli, saranno elaborate le priorità strategiche con i relativi obiettivi di miglioramento. Fondamentali, così come indicato dal Ministero nella Circolare, i momenti da dedicare alla ricerca, al confronto e alla condizione all'interno di ogni realtà scolastica.  A luglio il RAV dovrà essere pubblicato sul portale "Scuola in chiaro", con la situazione fotografata e il piano di miglioramento

Relativamente alle rilevazione nazionale degli apprendimenti, le cosiddette prove INVALSI, somministrate ali alunni delle classi secondo, entro maggio 2015, saranno curate nell’aspetto organizzativo da due docenti  (coordinatori svolgimento prove INVALSI) e saranno corrette dai Consigli di classe.

5.9.       LA FORMAZIONE

L’attività di formazione, per l’attuale anno scolastico, prevede l’approfondimento di temi quali:

  • BES -  DSA
  • Applicazione delle nuove tecnologie alla didattica
  • Ogni altra iniziativa significativa promossa da soggetti pubblici e/o privati accreditati

 

Si privilegeranno i corsi che avranno le seguenti caratteristiche

  • Carattere prevalentemente laboratoriale
  • Monitoraggio delle competenze in entrata e in uscita
  • Customer satisfaction
  • Produzione di materiale e comunque di esperienze didattiche per la costituzione di un “Banca dati”, anche attraverso  una piattaforma interna.

 

 

 

6.   L’ORGANIZZAZIONE

 

6.1.      ORGANIGRAMMA

 

·         Dirigente Solastico                                                   Prof.Antonino Micalizzi

·         DSGA                                                                       Dott.ssa Giovanna  Stillitano

 

·         Collaboratore vicario                                               Prof.ssa Paola Vento   (Sede Amm.)  

·         Secondo collaboratore                                             Prof.ssa  Anna Verdini (Sede Centrale)

 

·         Docente fiduciario sede Centrale                           Prof.ssa Maria Grazia Guida             

·         Docente fiduciario sede Amministrativa               Prof.ssa Addolorata Caretto

                             

 

 

RESPONSABILI DELL’ORGANIZZAZIONE DIDATTICA

 

FUNZIONI STRUMENTALI - In allegato il piano delle attività svolte

 

DENOMINAZIONE AREA

DOCENTE

Area 1 - Orientamento e continuità formativa

Prof.ssa Bruna Fontana

Area 2 - Didattica e successo formativo

Prof.ssa Patrizia Pandozzi

Area 3 - Responsabile dell’immagine e della comunicazione

Prof.ssa Francesca Garbagnati

Area 4 - Referente d’Istituto dei BES e DSA

Prof. Francesco Rovida

 

COORDINATORI DI DIPARTIMENTO

 

DIPARTIMENTO

DOCENTI

Lettere

Prof.ssa Bruna Fontana

Inglese

Prof.ssa Federica Tanda

Matematica e Fisica

Prof.ssa Luigia  Artiaco

Storia e Filosofia

Prof. Anna Verdini

Scienze Naturali

Prof.ssa Daniela Scarino

Disegno e Storia dell’Arte

Prof.ssa Laura  Pepponi

Scienze Motorie

Prof.ssa Adriana Remine

Religione

Prof.ssa Maria  Ballarin

 

RESPONSABILI DEI LABORATORI E DELLE PALESTRE

 

LUOGHI

RESPONSABILE SEDE CENTRALE

RESPONSABILE SEDE AMMINISTRATIVA

Aula Informatica

Prof. Sebastiano Tofanetti

Prof. Sebastiano Tofanetti

Aula di Scienze

Prof.ssa Gabriella Fontana

Prof. ssa  Rosalba Giusti

Palestra

Prof.ssa Elisabetta  Corvò

Prof.  Roberto  Di Reto

 

 

 

6.2.      COORDINATORI  DI CLASSE E SEGRETARI

 

1 A

BOMBARA

 

1 F

TANDA

2 A

LO CICERO

2 F

DI MATTEO

3 A

MATTEINI

3 F

GUIDA

4 A

MOLINARI

4 F

VERDINI

5 A

ARTIACO

5 F

TOMARCHIO

 

 

1 B

CARETTO

1 G

CARILLO

2 B

BUCCARO

2 G

GRAZIANO

3 B

FONTANA BRUNA

3 G

NUDI

4 B

SCARINO

4 G

LUPO

5 B

SASSO

5 G

CALCAGNI

 

 

1 C

MARTINO

1 H

CORVÒ

2 C

REMINE

2 H

PIZZI

3 C

GIUSTI

3 H

PANDOZZI

4 C

PIZZUTI

4 H

LOMBARDI

5 C

VALLUCCI

5 H

ANDREOCCI

 

 

1 D

LEONE

3 L

TOFANETTI

2 D

SONNINO

4 L

PINNELLI

3 D

ROSI

5 L

FALÁ

4 D

ARGENIO

 

5 D

FEBBRARO

4 M

ARGENTERO

 

5 M

MALIZIA

1 E

CAVALIERE

 

2 E

MERCOGLIANO

4 N

ROVIDA

3 E

FEGATELLI

5 N

DE AMICIS

4 E

SERRA

 

5 E

AMBROSINI

1 J

PALMEGIANI

 

1 K

CARLESIMO

 

 

 


6.3.      COMMISSIONI E  GRUPPI DI LAVORO

 

Area 1  Orientamento e Continuità Formativa

 Orientamento in entrata

Che cosa fa

·         Cura l’Orientamento in entrata attraverso i contatti con le Scuole Secondarie di primo grado del territorio.

 

·         Elisabetta Corvò

·         Monica Donato

·         Maria Mercogliano

·         Adriana Remine

 

 

Riorientamento

Che cosa fa

·         Realizza un’azione di consulenza  agli studenti con difficoltà nel percorso formativo

 

·         Paola Argenio

 Orientamento in uscita

Che cosa fa

·         Cura l’Orientamento in uscita attraverso i contatti con le Università di Roma

 

·         Elisabetta Corvò

·         M. Carmela Castricone

Area 2 

Didattica e Successo Formativo

Compensazione

Che cosa fa

·         Organizza le attività e il calendario degli interventi di compensazione.

·         Organizza le attività e il calendario delle verifiche di settembre per coloro che hanno avuto la sospensione del giudizio.

 

·       Stefania Di Matteo

·       Annarita Pizzuti

 

Valorizzazione  delle eccellenze

Che cosa fa

·         Cura l’organizzazione di premi ed attività volti alla valorizzazione delle eccellenze. (Premio “Carlo Munno”,  Premio “Cannizzaro”, Borse di studio. Etc.)

·         Luigia Artiaco

·         Pierluigi Malizia

·         Anna Verdini

·         Giurie (Ambrosini, Garbagnati, Malizia, Martino,

Palmegiani, Rovida, Scarino, Verdini; membro aggiunto: Giancola)

 

Area  3

Responsabile

immagine e comunicazione          

Progetti (su bandi e avvisi)

Che cosa fa

·         Organizza le attività  relative ai progetti ricercati e diffusi dalla FS di riferimento

 

·         Francesco Baffioni

·         Gabriella Fontana

 

 

Responsabile del sito web

Che cosa fa

·         Collabora con la FS di riferimento per l’aggiornamento del sito d’Istituto

 

·         Sebastiano Tofanetti

Area 4 Referente d’Istituto dei BES e DSA                                   

Inclusione

Che cosa fa

·         Collabora con la FS di riferimento per l’analisi e/o la produzione di materiale didattico e informativo da proporre ai C.d.C.

 

·         Elisabetta Corvò

·         Sabina Moschella

·         Mariangela Lupo

 

 

6.4.      ALTRE COMMISSIONI E/O GRUPPI DI LAVORO

 

COMMISSIONI/GRUPPI DI LAVORO

COMPONENTI

Commissione Elettorale (Gruppo di lavoro misto)

Che cosa fa

·         Organizza le elezioni degli  OO.CC.

 

·         Stefania Di Matteo, Pierluigi Malizia  (Docenti)

·         Mario D’Ercole (ATA)

·         Federico Palmulli (Studenti)

·         Silvia Sacco (Genitori)

 

Valutazione d’Istituto (Gruppo di lavoro misto)

Che cosa fa

·         Procede alla valutazione d’Istituto in applicazione della normativa vigente

 

 

·         Pierluigi Malizia, Mirella Martino (docenti)

·         Componete  ATA, Studenti, Genitori da

        definire

 

POF (Coordinamento Prof.ssa Anna Verdini)

Che cosa fa

·         Cura la redazione  e la diffusione del POF

·     Cura la raccolta, la sistematizzazione e il   monitoraggio delle attività progettuali curriculari e extracurriculari

·         Progetta i modelli di valutazione intermedia e di comunicazione alle famiglie in caso di sospensione del giudizio, in accordo con la FS “Didattica e successo formativo”

·         Sandra De Amicis

·         Mariangela Falà

·         Bruna Fontana

·         Patrizia Pandozzi Trani

·         Laura Pepponi

 

Certificazione

(Responsabile Qualità di Istituto e Coordinamento prof.ssa Vento)

Che cosa fa

·         Cura l’implementazione del Sistema di Gestione dell’istituto secondo la norma ISO 9001:2008 ai fini del rinnovo della Certificazione

·         Mantiene i rapporti con la Rete delle scuole certificate del IX Municipio

·         Provvede all’Autovalutazione di Istituto

 

·         Sandra De Amicis

·         Mariangela Falà

·         Pierluigi Malizia

 

Cittadinanza attiva

Che cosa fa

·         Coordina  le attività connesse al benessere psicofisico degli studenti

·         Coordina le attività connesse all’educazione alla legalità e all’ambiente

·         Maria Ballarin

·         Mariangela Falà

·         Sabina Moschella

·          

Teatro e cinema

Che cosa fa

·         Organizza le uscite al teatro e al cinema, sia in orario scolastico sia in quello  extrascolastico

·         Ambrosini

·         Carlesimo

Viaggi d’istruzione

Che cosa fa

·         Organizza i viaggi in ambito prevalentemente culturale, in ambitoprevalentemente sportivo – naturalistico, in ambito culturale/laboratoriale

·         Contatta le Agenzie di viaggio

·         Propone mete e programmi ai CdC

·         Cura l’organizzazione dei viaggi in collaborazione con i coordinatori e/o con i docenti accompagnatori

 

·         Liliana Argentero

·         Paolo Argenio

·         Simonetta Calcagni

·         M. Grazia Ricci

 

Comitato di valutazione

Che cosa fa

·         Procede alla valutazione di docenti in formazione

·         Cura le procedure e la publicizzazione per l’attivazione interna dei TFA

·         M. Grazia Ricci

·         Paola Vento

·         M. Letizia Ambrosini

·         Giuseppe Andreocci (supplente)

Coordinamento svolgimento prove Invalsi

Che cosa fa

·         Organizza la somministrazione delle prove Invalsi

 

·         Stefania Di Matteo (Sede Centrale)

·         M. grazia Ricci (Sede Amministrativa)

Graduatorie di Istituto

Che cosa fa

·         Procede alla compilazione delle graduatorie d’Istituto dei docenti

 

·         Francesca Garbagnati

·         M. Grazia Ricci

Flessibilità didattico- organizzativa

 Che cosa fa

·         Cura l’informazione e la rilevazione dei bisogni di tutte le componenti della scuola (docenti, genitori, studenti, ATA)

·         Progetta la flessibilità oraria e didattica su cinque giorni

 

·         Giuseppe Andreocci

·         Francesca Garbagnati

 

Commissione supporto organizzativo alla definizione

delle classi*

Che cosa fa

·         Collabora con il DS per la raccolta dei dati utili alla composizione della classi

 

*Le sedute sono presiedute dal DS

·         Stefania Lombardi

·         Paola Palmegiani

·         Rosanna Pinnelli

·         Mariangela Tomarchio

Gruppo di Coordinamento

·         Che cosa fa

Raccoglie i suggerimenti dei responsabili  dei Dipartimenti, coordina le attività organizzate dalle FS, razionalizza i tempi delle attività previste nella scuola, prepara l’O. d. G. e i lavori del Collegio dei Docenti.

 

·         DS

·         Collaboratori del DS

·         FS

 

6.5.      CERTIFICAZIONE UNI EN ISO 9001

La nostra scuola ha aderito al "Progetto Qualità" della Rete Scuoleinsieme del IX Municipio; il progetto ha durata periodica triennale ed ha lo scopo di mantenere la certificazione UNI EN ISO 9001:2008 per ciascuna delle Istituzioni scolastiche partecipanti.

La certificazione è stata conseguita il 2 Dicembre 2011; il campo di applicazione (EA: 37) è il seguente:

"Progettazione ed erogazione di servizi didattico educativi nelle seguenti unità di rete:

Liceo Scientifico Statale S. Cannizzaro sede centrale e sede amministrativa."

Il Progetto Qualitàsi caratterizza come percorso formativo e di ricerca, che favorisce lo sviluppo organizzativo delle scuole, è teso al perseguimento delle finalità proprie del sistema scolastico e al conseguimento degli obiettivi specifici che ciascuna istituzione si dà, nell’ambito della propria autonomia culturale, didattica e gestionale.

La descrizione delle modalità attraverso cui sono predisposti e realizzati i processi organizzativi è contenuta nei Manuali Qualità di Rete (MQ0) e del Liceo Scientifico "Cannizzaro" (MQ13). Attraverso l’adozione di un sistema di gestione certificato ci si prefigge di:

- documentare con puntualità e completezza i servizi offerti dalla scuola;

- verificare e valutare i processi e gli esiti in un’ottica di trasparenza e miglioramento continui.

Gli impegni assunti verso l’utenza sono esplicitati annualmente attraverso l’adozione di scelte generali, Politica della Qualità, e la determinazione di specifici Obiettivi della Qualità

Le azioni garantite dalla scuola in merito alla certificazione qualità, internamente ed in rapporto con la Rete di scuole del IX Municipio, sono gestite e coordinate da un docente responsabile cui è affidato il ruolo di Responsabile Qualità di Istituto (RQI).

 

 

6.6.      ORGANIZAZIONE SCOLASTICA

(Orari e calendari)

·         Orari e servizi della segreteria

Gli orari di apertura al pubblico della segreteria sono i seguenti:

Lunedì e venerdì dalle ore 8.30 alle ore 10.30

Mercoledì dalle ore 14.30 alle ore 16.30

 

·         Orario delle lezioni

-          L’orario è distribuito su sei giorni. Le lezioni hanno inizio alle 8.25 e terminano alle 13.25.

-          L’accesso all’istituto e alle aule avviene nei cinque minuti che precedono l’inizio delle lezioni e cinque minuti dopo; gli alunni che arrivano oltre tale orario saranno ammessi all’ora successiva dai collaboratori del Dirigente Scolastico

 

·         Piano annuale delle attività del Collegio dei docenti e dei Consigli di classe

Si rinvia alla sezione Allegati

 

6.7.      CRITERI ORGANIZZATIVI DELL’ATTIVITÀ DIDATTICA

·         Accettazione delle domande di iscrizione

Si rinvia alla sezione allegati

 

·         Assegnazione alle classi prime (classi tradizionali, classi 2.0, classi CIE)

Si rinvia alla sezione allegati

 

·         Assegnazione dei docenti alle classi e alle sedi

Nell’assegnazione dei docenti alle classi sono stati individuati  i seguenti criteri

-     Continuità didattica

-     Minimizzare spostamenti docenti tra le due sedi

-     Graduatoria solo nella individuazione della sede

 

·         Formulazione dell’orario delle lezioni

-          Omogeneo carico di lavoro per gli studenti

-          Distribuzione omogenea dei giorni liberi con rotazione di quelli maggiormente richiesti

-          Indicazione nei desiderata o del giorno libero o della fascia alta/bassa dell’orario

-          Scelta del giorno libero: per quanto riguarda sabato e lunedì precedenza a chi non l’ha avuto

 

 

6.8.      ORGANIZZAZIONE DELL’ISTITUTO

·          Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto è l’organo di governo della scuola e delibera su tutte la materie stabilite dall’art 10 del D. lgs. 16 aprile 1994, n. 297, dal D.I. 28/05/ 1995, dall’art. 3 del DPR  8 marzo 1999, n.  275  

 

  • È preposto al funzionamento e all’organizzazione della vita scolastica
  • È composto dal Dirigente Scolastico, da 8 docenti, da 2 rappresentanti del personale ATA, da 4 rappresentanti dei genitori e da 4 rappresentanti degli studenti. È presieduto da un genitore

o       La Giunta Esecutiva, eletta al suo interno, prepara i lavori del Consiglio; è composta dal Dirigente Scolastico, dal Direttore dei Servizi Amministrativi (per diritto), da un genitore, da uno studente, da un docente e da un ATA.

 

·         Collegio dei docenti

Il Collegio dei docenti delibera su tutte la materie stabilite dall’Art. 7, del D. lgs. 16 aprile 1994, n. 297 e dall’art.3 del DPR  8 marzo 1999, n.  275  

 

  • È composto da tutti i docenti e dal Dirigente Scolastico che lo presiede, lo convoca, ne stabilisce l’O.d.G. e ne nomina il segretario.
  • Elabora ed approva il POF
  • Propone ed approva progetti di aggiornamento
  • Progetta  la programmazione educativa e didattica o in sedute plenarie o attraverso le Commissioni
  • Delibera la programmazione annuale delle attività della scuola

 

·         Dipartimenti disciplinari

Sono articolati  in 8 aree (Lettere, Matematica e Fisica, Inglese, Scienze, Disegno e Storia dell’Arte, Storia e Filosofia, Educazione Fisica, Religione)

 

o        elaborano la Programmazione dipartimentale,nella quale vengono definiti gli obiettivi educativi e didattici per classi parallele; individuati i contenuti disciplinari e le metodologie didattiche; stabiliti le tipologie e il numero minimo di verifiche per ciascuno dei periodi in cui è suddiviso l’anno scolastico e i rispettivi criteri di valutazione; elaborate eventuali prove di ingresso comuni o prove per classi parallele.

o       Indicano la possibilità di utilizzare  laboratori, attrezzature informatiche e multimediali ed, eventualmente, propongono nuovi acquisti

o       Propongono e valutano i progetti curriculari ed extracurricolari

o       Propongono le adozione dei libri di testo

o       Segnalano le  necessità formative dei docenti e promuovono le attività di aggiornamento ed auto-aggiornamento

 

·         Consigli di classe

I Consigli di classe deliberano su tutte la materie stabilita dagli Art. 5 e 6  del D. lgs. 16 aprile 1994, n. 297

 

  • Rilevano la situazione di partenza attraverso l’analisi dei risultati dei test d’ingresso (nelle classi iniziali)
  • Elaborano la Programmazione collegiale nella quale vengono individuati  gli obiettivi formativi e cognitivi comuni, progettate le attività interdisciplinari e/o multidisciplinari e accolte le attività didattiche complementari
  • Elaborano il Piano Didattico Personalizzato (BES-DSA) e/o il Piano Educativo Individualizzato
  • Programmano le strategie di intervento mirate al recupero

 

 

·         Coordinatori

      Compiti del coordinatore :

 

  • presiede le sedute del C. d. C., in assenza del Dirigente scolastico

o       illustra il POF agli studenti ed ai rappresentanti dei genitori

o       coordina le attività relative alla stesura della  Programmazione del Consiglio della Classe e, per le classi V, del Documento del 15 Maggio

o       controlla regolarmente le assenze degli studenti, i ritardi e le uscite anticipate, ponendo particolare attenzione ai casi di irregolare frequenza ed inadeguato rendimento, per i quali contatta tempestivamente le famiglie

o       per le classi del triennio predispone la scheda riassuntiva dei crediti scolastici e formativi

o       al termine degli scrutini intermedi e finali, insieme al segretario del Consiglio di Classe, cura le eventuali comunicazioni da fornire alle famiglie

o       si tiene regolarmente informato sul profitto e sul comportamento della classe tramite frequenti contatti con gli altri docenti del Consiglio

o       nei casi di BES-DSA cura la comunicazione tra scuola, famiglia ed istituzioni

 

 

·         Segretari

Compiti del segretario :

  • verbalizza le sedute del C. d. C. (la verbalizzazione è un momento costitutivo del consiglio stesso);

 

·         Organo di garanzia

L’organo di garanzia è disciplinato dal Capo VIII  del Regolamento di Istituto

  • È composto da un docente eletto dal Collegio dei docenti, un genitore eletto dal Comitato dei genitori, da un studente eletto dal Comitato studentesco, da un rappresentante del personale ATA, eletto dall’Assemblea del personale ATA
  • La sua funzione consiste nel prevenire ed affrontare tutti i problemi e i conflitti che possono emergere nel rapporto studenti – docenti e in merito alla corretta applicazione dello Statuto delle studentesse e degli studenti
  • Esamina tutti i ricorsi presentati dagli studenti della scuola in seguito all’irrogazione di una sanzione disciplinare.

 

 

·         Comitato degli studenti

Il Comitato degli studenti è composto dai rappresentanti di classe

o       Elegge un suo presidente, vicepresidente, segretario che rimangono in carica un anno

o       Si riunisce su convocazione del Dirigente Scolastico o in maniera autonoma

o       Discute i problemi inerenti alla vita della scuola

o       Formula richieste al Collegio dei docenti e al Consiglio di Istituto

 

·         Comitato dei genitori

Il Comitato dei genitori è costituito dai rappresentanti dei genitori

o       Elegge un suo presidente

o       Si riunisce su convocazione del Dirigente Scolastico o del suo presidente

o       Esamina i problemi inerenti alla vita scolastica

 

 

6.9.      LA SICUREZZA NELLA SCUOLA

Il Liceo Cannizzaro, consapevole del ruolo pubblico e della missione sociale  della scuola, si è sempre impegnato al totale rispetto delle normative  in materia di sicurezza e di salute, curando,  attraverso un continuo sforzo di prevenzione, il miglioramento degli standard di riferimento.

Per raggiungere gli obiettivi nell’ambito della sicurezza e della salute, la scuola mette a disposizione  adeguate risorse umane, professionali, strumentali ed economiche.

In ottemperanza a quanto previsto dal D. Lgs. 9 aprile 2008, n.81, dal D. Lgs. 23 giugno 2003, n. 195, dal D.M. 10 marzo 98 e dal D.M. 15 luglio 2003, n. 388, relativi alla formazione dei lavoratori, del Servizio di Prevenzione e Protezione e degli addetti alle Squadre di prevenzione incendio, antincendio, emergenza e primo soccorso, la scuola attiva un  piano di formazione/informazione, rivolto a tutto il personale  e agli studenti; inoltre, come da normativa, procede alle prove di evacuazione almeno due volte all’anno.

In allegato lo schema “Addetti alle emergenze”

 

6.10.TFA (TIROCINI FORMATIVI ATTIVI)

Per TFA si intendono i tirocini annuali presso un’istituzione scolastica previsti dai corsi di formazione per l’insegnamento, istituiti dalle Università,  con D. M. 11/11/2011. I docenti del nostro liceo hanno dato la propria disponibilità a svolgere il ruolo di tutor dei tirocinanti. Il tutor guida il corsista sia nella sua attività di osservatore sia in quella di docenza attiva, collabora con i docenti universitari nella progettazione del tirocinio e svolge il ruolo di correlatore nella relazione di fine corso.

 

6.11.MODALITÀ DI ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

Sulla base della legge 241/90, l’accesso agli atti amministrativi dovrà essere richiesto dai genitori dell’allievo, in caso di minorenni, o dagli allievi stessi, in caso di maggiorenni, con un’apposita domanda la cui accettazione è subordinata alla presenza di una motivazione, che, come previsto dalla legge, l’Amministrazione si riserva di valutare.

 

6.12.RISORSE E SERVIZI

La scuola dispone delle seguenti strutture e servizi:

 

Strutture

- Uffici di presidenza  (sede centrale e amministrativa)

- Uffici di segreteria

·         Ufficio del DSGA

·         Ufficio Amministrativo

·         Ufficio Didattica

·         Ufficio di supporto alla segreteria (sede centrale)

 

- 20 aule  nella sede centrale e 29 in quella amministrativa

- 2 Laboratori di informatica (sede centrale e amministrativa)

- 2 Laboratori scientifici (sede centrale e amministrativa)

- Biblioteca (sede amministrativa)

- 2 Palestre (sede centrale e amministrativa)

- Pista di atletica, campo di pallavolo e calcetto (sede amministrativa)

- Aula Magna (sede amministrativa)

 

Servizi

Il liceo mette a disposizione della propria utenza anche una modulistica controllata secondo i criteri del Sistema di Gestione Qualità reperibile presso gli uffici di segreteria e scaricabile dal sito web d’istituto

 

Approvvigionamenti

 

Per garantire un adeguato sostegno alla didattica annualmente i Dipartimenti propongono l’acquisto prioritario di alcune materiali e attrezzature; le proposte vagliate dal DS e dal DSGA vengono soddisfatte tenendo conto delle disponibilità finanziarie.

Per la fornitura di beni e servizi  ci si avvale di un Albo fornitori di Rete.

Annualmente il CI approva ad inizio anno le previsioni di spesa e, a conclusione, il Conto consuntivo.

  

7.   ALLEGATI

  

1.  Politica ed Obiettivi della Qualità (2014/2015)

2.  Piano annuale delle attività del Collegio dei docenti e dei Consigli di classe

3.      Quadro delle attività delle Funzioni Strumentali

4.      Piano Annuale di Inclusione (PAI)

5.   Sinossi dei progetti ed attività afferenti all’ampliamento dell’Offerta Formativa

6.      Programmazioni dipartimentali e relative griglie di valutazione

7.  Tabelle di valutazione per le simulazioni di prima, seconda e terza prova scritta degli Esami di Stato

8.      Criteri di attribuzione del  voto di condotta

9.      Criteri di validità dell’ anno scolastico

10.  Criteri di valutazione intermedia

11.  Criteri di valutazione finale

12.  Criteri di valutazione per gli alunni con sospensione del giudizio

13.  Criteri di attribuzione del credito scolastico

14.  Criteri di validazione del credito formativo

15.  Criteri di accettazione delle domande d’iscrizione

16.  Criteri di formazione delle classi prime

17.  Criteri di formazione della classi 2.0

18.  Criteri di formazione dlle classi CIE

19.  D.P.R. 249 24/06/1998 Statuto delle studentesse e degli studenti della scuola secondaria

20.  Regolamento di Istituto (bozza da aggiornare ed approvare)

21.  Patto di corresponsabilità

22.  Contratto mobilità studentesca

23.  Regolamenti dei laboratori

24.  Carta dei Servizi

25.  Regolamento di accesso agli atti

26.  Addetti alle emergenze

27.  Piano di formazione del personale

 

 



[1] Esclusivamente in inglese in preparazione all’esame IGCSE.

Orientamento
Amministrazione Trasparente
Borse di studio